FCA e PSA pronte alla fusione: il 16 gennaio nascerà Stellantis

E' arrivato il via libera dall'assemblea degli azionisti FCA, una svolta che darà vita a sinergie ed alla nascita di un gruppo che vuole competere con i giganti del mercato automotive

Share


L'unione fa la forza. Questo è il pensiero alla base della decisione di FCA e PSA di unirsi in un unico nuovo grande gruppo che prenderà il nome di Stellantis. Un matrimonio che è stato annunciato ad ottobre del 2019 e che è sembrato tante volte sul punto di essere celebrato, ma che ha ottenuto solo ieri il definitivo via libera che porterà il 16 gennaio alla nascita di un vero e proprio polo italo-francese. 

"Vogliamo avere un ruolo di primo piano nel prossimo decennio - ha commentato John Elkann -  che ridefinirà la mobilità, proprio come hanno fatto i nostri padri fondatori con grande energia negli anni pionieristici. La fusione proposta con Groupe Psa è un ulteriore coraggioso passo avanti nel nostro viaggio. Stellantis rappresenta l'unione di due partner che condividono la stessa mentalità. Due realtà che si alleano per costruire qualcosa di unico".

Sulla carta, i numeri di Stellantis parlano di oltre 8 milioni di auto vendute, un valore che porta il gruppo al 4° posto tra i Costruttori di automobili al mondo. Numeri suggellati anche da oltre 400.000 dipendenti ed un fatturato complessivo di circa 180 miliardi. Il progetto coinvolge i 15 marchi di proprietà dei due gruppi e si tratta di un'operazione da circa 43 miliardi di euro, con un ulteriore investimento previsto di 5 miliardi all'anno per sviluppare tutte le sinergie. 

La quotazione del nuovo titolo avverrà in borsa il 18 gennaio sui listini di Milano e Parigi, per poi approdare anche a New York il giorno successivo. L'organizzazione della Stellantis prevede di avere una sede in Olanda, mentre l'azionariato sarà abbastanza frammentato. Ruolo di azionista di riferimento sarà quello della holding Exor, di proprietà della famiglia Agnelli, che avrà il 14,4% delle azioni. Peugeot arriverà al 7,2%, mentre lo stato francese avrà una quota del 6,2%. Il Presidente del gruppo sarà John Elkann, con Robert Peugeot ad occupare il ruolo di vice. L'AD sarà invece Carlos Tavares, vera mente operativa che delinerà le strategie future di Stellantis. 

Articoli che potrebbero interessarti