MotoAmerica, Beaubier e Fong si dividono le vittorie, doppio podio per Wyman e Ducati

Il campione in carica vince gara 1 ma finisce a terra in gara 2, regalando il primo successo di carriera al pilota Suzuki. Un 4° ed un 7° posto con caduta per Elias

Share


Il secondo weekend della stagione 2020 del MotoAmerica è passato in archivio e le sorprese non sono certamente mancate, ma andiamo con ordine. Il terreno della contesa è stato ancora una volta il circuito di Road America, dove il campione in carica Cameron Beaubier aveva dettato legge nel primo appuntamento, cosa che ha continuato a fare anche nella giornata di sabato, in occasione di gara 1.

Il pilota Yamaha infatti ha sfruttato al meglio la partenza dalla prima casella, mantenendo la prima piazza dal primo all’ultimo giro, e diventando il pilota più vincente della storia a Road America con 10 affermazioni. Il primo degli “Umani” è stato il giovane di casa Suzuki Bobby Fong, secondo a più di sei secondi ed al primo podio di stagione, mentre la lotta per il terzo gradino tra il ducatista Kyle Wyman e Toni Elias ha visto prevalere il ducatista, ma solo nel dopo gara.

In pista infatti era stato lo spagnolo a passare per primo sotto la bandiera a scacchi, ma un sorpasso in regime di bandiera gialla è costato a Toni due secondi di penalità, che lo hanno relegato in quarta piazza. Alle spalle di Elias la Yamaha di Mathew Scholtz, seguito da Jake Gagne e dalla BMW di Josh Herrin.

Gara 2 - Beaubier a terra, arriva la prima volta di Fong

In gara 2 il copione, almeno per quanto concerne la prima piazza sembrava scritto, ed ecco invece arrivare il colpo di scena. Esatto perché Cameron Beaubier, già saldamente al comando della corsa, ha visto la possibilità di conquistare il poker di vittorie scomparire al quarto giro, quando una scivolata in curva uno lo ha estromesso dalla contesa.

Ecco dunque aprirsi le porte del paradiso per Bobby Fong, capace di resistere alla pressione di Jake Gagne (secondo al traguardo) e di conquistare la sua prima vittoria nel MotoAmerica, spezzando l’egemonia di Beaubier e della Yamaha. A completare il podio è ancora Kyle Wyman, che porta così per la seconda volta consecutiva la Panigale V4 al parco chiuso.

Domenica da dimenticare invece per Toni Elias, finito a terra all’ottavo giro in seguito ad un’entrata certamente al limite di Mathew Scholtz, giunto quarto al traguardo: lo spagnolo è riuscito perlomeno a ripartire, limitando i danni con la settima posizione.

Dopo quattro manche la classifica di campionato vede ovviamente Beaubier al comando con 75 punti, 9 in più del compagno Jake Gagne, mentre Bobby Fong è terzo a quota 56, con sole due lunghezze di vantaggio su Wyman. L’appuntamento ora è fissato per il weekend del 2 agosto, quando il circus del MotoAmerica sarà di scena ad Atlanta.

Share

Articoli che potrebbero interessarti