MotoGP, Miller: "Honda mi multò per avere bevuto dalla scarpa ad Assen"

Ai dirigenti giapponesi non piacque il modo di festeggiare la vittoria nel 2016. Jack: "non si può multare un pilota dopo avere vinto"

Share


Si chiama ‘shoey’  ed è il gesto di bere da una scarpa, di  buon auspicio in Australia. Un rito sconosciuto ai più che Jack Miller rese famoso nel 2016, quando festeggiò così la sua prima (e per ora unica) vittoria in MotoGP. Dopo di lui, anche Daniel Ricciardo in Formula 1 celebrò in quel modo un podio e perfino Valentino Rossi si lasciò contagiare da questa tradizione, a Misano sempre nel 2016.

Quello che non si sapeva, è che Miller pagò a caro prezzo quel festeggiamento, e non è un modo di dire. Lo ha rivelato lui stesso a BT Sport.

Honda mi diede una multa perché bevvi dalla scarpa dopo avere vinto - ha confessato Jack - Era un festeggiamento dopo la gara. Quando vinci, non ti  possono multare”.

I giapponesi però l’hanno pensata diversamente, ritenendo che il gesto di Miller danneggiasse l’immagine del marchio. Probabilmente, Jack ha pensato che una vittoria in MotoGP vale bene una multa.

Share

Articoli che potrebbero interessarti