MotoGP, Quartararo: “Dovrò studiare i dati di Vinales per battere Marquez”

“Fatico troppo nell’ultimo settore e mi mancano due decimi sul passo. Lorenzo? Per me è stato un esempio e rimarrà una leggenda”

Share


C’è il francese Fabio Quartararo davanti a tutti nella prima giornata di libere a Valencia. Dopo aver siglato il tempo di riferimento al mattino, il francese ha pensato bene di ripersi anche al pomeriggio, portando la propria Yamaha in vetta. Meglio di così non poteva andare per il portacolori SIC Petronas, anche se sul passo gara sembra accusare quasi tre decimi da Vinales e Lorenzo.

“Sono molto felice per la prestazione sul giro secco – ha esordito Fabio -  il passo non è male, ma perdo qualche decimo di troppo. Abbiamo bisogno di capire quale sia il problema, dato che fatichiamo soprattutto nell’ultimo settore della pista. Io sono però fiducioso, dato che la squadra sa come lavorare per risolvere questo problema”.

Il transalpino sta quindi cercando la giusta strada da seguire.

 “A dire la verità, Valencia non è una pista che amo fin dai tempi della Moto2 e con la MotoGP è ancora più difficile. Come detto dovrò lavorare per capire bene le gomme e trovare una soluzione assieme al team per essere forte nel weekend di gara”.

Quelli che hanno un passo in più sembrano essere Vinales e soprattutto Marquez.

Dovrò studiare i dati di Maverick per capire e analizzare la situazione, dato che lui e Marc sono sicuramente i più veloci al momento. Il problema di Sepang? Quello non c’entra nulla. Quanto accaduto in Malesia è una cosa che solitamente ci capita su piste veloci come Mugello e Barcellona. Di sicuro dovremo tenerlo a mente per il futuro”.

L’ultima battuta riguarda l’addio di Lorenzo alle corse.

“Per me è stato un esempio, in particolare per il suo stile di guida molto dolce. Quest’anno ha faticato ma non possiamo dimenticare il suo passato, per me sarà sempre una leggenda”.

Audio raccolto da Matteo Aglio

Share

Articoli che potrebbero interessarti