MotoAmerica, Elias ed Herrin come Rins: Suzuki ufficiale per Toni e Josh

Lo spagnolo ed il californiano del team Yoshimura possono godere di un vero trattamento da MotoGP,  con la quale Alex ha vinto il primo Gran Premio ad Austin

Share


Cosa hanno in comune Alex Rins, Toni Elias e Josh Herrin? Semplice: una moto da corsa marcata Suzuki. Nonostante siano due progetti dedicati a campionati assai differenti tra loro, sia in MotoGP che nel MotoAmerica l’impegno profuso dalla Casa di Hamamatsu è il medesimo, ovvero, diretto ed ufficiale.

Il catalano del team Ecstar - come il compagno di box Joan Mir - può godere del lavoro di ricerca e sviluppo compiuto dal reparto corse giapponese, che pensa, realizza, sperimenta e prova sempre parti nuove per la GSX-RR, per poi darle ai collaudatori locali, che ne sgrossano il tutto.

Ad operazione compiuta, i componenti arrivano al test team, nel quale è impegnato Sylvain Guintoli, francese con un ottimo trascorso da corridore. Sulla Suzuki numero 50 gommata Michelin prototipo ci sarà tutto ciò che serve a Rins per andare forte ed in Texas è arrivata la prima meritata vittoria. Alex - approfittando della caduta di Marquez - ha battuto Rossi con la Yamaha e Miller sulla Ducati, guidando appeso e da ranocchio, in uno stile strano ma assai redditizio.

Il discorso fatto fino a qui vale anche per le Superbike USA: a Chino, California, c’è la base Yoshimura, diretta emanazione della Casa dagli occhi a mandorla sul suolo statunitense. In una area immensa, ogni particolare ricevuto da Suzuki viene lì rivisto, sviluppato, migliorato e poi montato in un allestimento finale completato dagli pneumatici Dunlop. L’innesto di tanti ingegneri giapponesi completano l’opera e confermano quanto e come sia factory la struttura impegnata nel MotoAmerica e la GSX-R messa in gara.

I risultati? Di Rins e della sua perentoria affermazione al CoTA lo abbiamo già detto, per quanto riguarda Elias ed Herrin... bé, Toni e Josh hanno vinto proprio in Texas, bastonando le Yamaha super ufficiali di Beaubier e Gerloff. Il tris Suzuki è stato così completato ad Austin, di fronte agli occhi attenti di un certo Kevin Schwantz, ottimo conoscitore della filosofia riposta nelle “moto samurai” di Hamamatsu.

Guardando tutti i campionati importanti - come il Mondiale SBK, per esempio - viene da dire che Suzuki non sia azienda che investe in tutte le categorie ma, dove lo fa, vince ed è protagonista.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti