Moto2, TEST JEREZ - Bezzecchi mostra i muscoli, 2° Canet

I TEMPI DEL DAY 2 - Il romagnolo precede l'ottimo rookie e Martin, 8° Baldassarri davanti a Marini. In Moto3 il migliore è Rodrigo, lussazione alla spalla per Antonelli e trauma cranico per Masia 

Share


Anche il secondo giorno di test sul tracciato di Jerez si è chiuso per i piloti della Moto2 e della Moto3, tra conferme e sorprese. In Moto3 è stata la giornata dei veterani, mentre nella classe intermedia più di un giovane ha dimostrato di essere già pronto per la stagione alle porte.

Moto2 - Bezzecchi leader, Canet sorprende 

In Moto2 è stata la giornata di Marco Bezzecchi. Il romagnolo dello Sky Racing Team VR46 ha chiuso davanti a tutti con una grande prova di forza, come testimonia il suo 1’40”448, quattro decimi meglio del miglior tempo di ieri e 262 millesimi meglio del secondo classificato di oggi, ossia il sorprendente rookie Aron Canet.

In terza piazza un’altra piccola sorpresa ossia Jorge Martin, che nonostante una condizione fisica non ottimale riesce a portare in alto la Kalex del team Ajo, precedendo Thomas Luthi ed Jorge Navarro, a mezzo secondo da Bezzecchi.

Sesto è Xavi Vierge davanti a Nagashima ed alla coppia di azzurri formata da Luca Marini e Lorenzo Baldassarri, che incassano quasi otto decimi dalla vetta al termine della giornata. Ai piedi della top ten Enea Bastianini, complice anche la caduta della mattinata alla curva otto, mentre Nicolò Bulega è l’ultimo pilota ad avere meno di un secondo di ritardo in 14° posizione, seguito da Fabio Di Giannantonio.

Si migliora rispetto a ieri Stefano Manzi (19°), mentre Simone Corsi e Lorenzo Dalla Porta chiudono in 22° e 24° posizione, con un distacco superiore al secondo mezzo dal leader Bezzecchi.

Moto3 - Rodrigo il migliore, Masia ed Antonelli KO

In Moto3 è Gabriel Rodrigo il più veloce del day-2, in sella alla Honda (che domina i piani alti della classifica) del team Gresini. L’argentino, che da quest’anno avrà il numero 2, ha fermato il cronometro sul tempo di 1’45”170, risultando più veloce di John Mcphee per soli 5 millesimi.

In terza e quarta piazza si parla giapponese con Ai Ogura e Tatsuki Suzuki, mentre il primo iberico in classifica è Jaume Masia: il pilota Leopard incassa 381 millesimi, ma la sua giornata è terminata anzitempo a causa di una caduta, che gli ha procurato un trauma cranico ed ovviamente una visita in ospedale. Alle sue spalle i connazionali Sergio Garcia e Raul Fernandez, con quest’ultimo che è anche il primo pilota KTM in classifica.

In ottava piazza ecco il primo italiano ossia Celestino Vietti, che dopo un giorno e mezzo nelle retrovie risale la classifica incassando mezzo secondo dalla vetta, mentre chiudono la top ten Darryn Binder e Filip Salac, ancora il migliore nel team Snipers considerata la 16° piazza a quasi un secondo di Tony Arbolino. Parlando proprio degli altri azzurri Andrea Migno chiude la seconda giornata 14°, con Dennis Foggia e Romano Fenati (primo ad incassare un secondo) che seguono invece il già citato Arbolino in 17° e 18° posizione.

Più attardati Stefano Nepa (21°) e Niccolò Antonelli (22°): il pilota del team SIC58 è stato vittima di una caduta, che gli ha causato una lussazione della già malconcia spalla sinistra, e resta ancora da capire se il romagnolo potrà scendere o meno in pista domani. Chiudono le fila azzurre i due piloti del team Boe Skull Rider Davide Pizzoli e Riccardo Rossi, alle spalle di Antonelli con distacchi superiori al secondo dalla prima piazza.

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti