Tu sei qui

Aste da sogno: Lancia Rally 037 Stradale ‘Evolution II’ del 1982

La casa d'aste RM Sotheby's propone un'auto a dir poco meravigliosa: la Lancia Rally 037 Stradale ‘Evolution II’ del 1982. La valutazione è di circa mezzo milione di euro

Auto - News: Aste da sogno: Lancia Rally 037 Stradale ‘Evolution II’ del 1982

Share


Ci sono le auto sportive, e poi ci sono le auto da uomini veri. Ecco, la Lancia Rally 037 Stradale ‘Evolution II’ del 1982 fa parte della seconda categoria. Nell'estate del 1979, la FIA annunciò il regolamento sui rally del Gruppo B, un cambiamento radicale nel sistema di classificazione delle auto da corsa previsto per l'inizio della competizione nel 1982. Con pochissimo tempo a disposizione per il progetto, Lancia decise rapidamente che la creazione del Gruppo B avrebbe richiesto un ampio sviluppo per un telaio ed un propulsore preesistenti. Di conseguenza, Abarth e Pininfarina furono immediatamente incaricate di progettare, ingegnerizzare e omologare il veicolo Lancia, risultante utilizzando come base per l'ultimo progetto congiunto del triumvirato. Fortunatamente, quel "progetto congiunto più recente" era la Lancia Beta Montecarlo Turbo Gr.5, che era già sulla buona strada per consegnare alla Lancia i Campionati mondiali di auto sportive 1980 e 1981. Come la Beta Montecarlo Turbo Gr.5, la nuova vettura da rally Lancia doveva utilizzare la monoscocca centrale dell'auto stradale Montecarlo di serie con il motore e le sospensioni portati su telai tubolari anteriori e posteriori. Sergio Limone, capo ingegnere di corse di Abarth e responsabile del progetto "SE 037", stabilì che, a differenza del Gr.5 con motore trasversale, il motore a quattro cilindri in linea a doppia camma da 2,0 litri della 037 sarebbe stato montato longitudinalmente per consentire una maggiore flessibilità del design nella sospensione posteriore, nonché un migliore accesso alle sospensioni ed al cambio. E per una migliore risposta dell'acceleratore, il turbo azionato dallo scarico del Gr.5 sarebbe stato sostituito da un compressore "Volumex" di tipo Roots, come favorito dal presidente Abarth Aurelio Lampredi.

Nell'aprile del 1980 Abarth aveva completato il progetto "SE 037", con Lancia e Pininfarina che avevano successivamente dato il via libera alla produzione. La certificazione FIA ​​fu stata raggiunta il 1 aprile 1982 e la Lancia debuttò successivamente con lo 037 Rally nelle competizioni al Tour de Corse Rallye de France il 6 maggio. Sebbene la nuova vettura avesse concluso un promettente nono posto assoluto, Lancia si concentrò sulla stagione 1982, su un intenso sviluppo piuttosto che su una corsa in campionato. L'anno successivo Walter Röhrl e Markku Alén guidarono il team ufficiale Martini Racing alla vittoria a Monte Carlo, Tour de Corse, Acropoli, Nuova Zelanda e Sanremo in rotta verso il Campionato del mondo di rally 1983, il quinto campionato costruttori di Lancia e l'ultimo WRC titolo da un'auto a due ruote motrici. Facendo eco al pedigree mondiale e predecessore Gr.5, lo 037 Stradale, era pazzesca. Molto ammirata per la sua maneggevolezza agile e nitida, il feedback diretto e l'encomiabile fascia di potenza che brama sempre l'erogazione rauca della massima spinta alle ruote posteriori, la 037 Stradale era molto facile da apprezzare, ma eccezionalmente difficile da padroneggiare. Se combinati con il suo gigantesco compressore, la carrozzeria leggera, l'abitacolo spartano e il cambio a cinque rapporti a rapporti ravvicinati... tutto questo per lavorare per "circondare il guidatore" in un'estasi sensoriale, che più di un giornalista automobilistico definì "terrificante". Questo particolare modello Evolution II è un'entusiasmante controparte diretta, senza esclusione di colpi, eccezionalmente impraticabile, ma immatricolata su strada, dell'auto da corsa del Gruppo B vincitrice del Campionato WRC.

037 Rally Stradale N.29

Questa 037 Rally Stradale è il 29° di 207 esemplari stradali prodotti dalla Lancia tra il dicembre 1980 e il gennaio 1984. Un file storico di accompagnamento ripercorre chiaramente l'intera catena di proprietà dell'auto fino ai giorni nostri e gran parte della provenienza della Stradale 29 è stata ampiamente documentata nella 037 Ultimo Mito di Piergiorgio Pelassa e nella Lancia 037: The Development and Rally History of a World Champion di Peter Collins. Consegnato nuova in Italia nel luglio 1982, Stradale 29 è stata successivamente importata in Svizzera il 15 marzo 1983 da un agente Fiat-Lancia, Marzio Cavadini, per suo uso personale. Nel 1984, Cavadini fece migliorare completamente la Stradale 29 con i nuovi aggiornamenti "Evolution II" di Abarth, che includono un compressore completamente rivisto, componenti del motore, scarico, aspirazione, sospensioni, abitacolo e freni. In questa specifica Stradale 29 è in grado di erogare oltre 300 cavalli, quasi il 50% in più di potenza rispetto allo 037 Rally Stradale standard.

Nel 1986 questa Stradale era passata da Cavadini ad Andrea Beltrami di Biasca, indicando allora 22.985 chilometri. Beltrami ha goduto dell'auto per altri 11.000 chilometri fino al 1992, quando è stata acquistata da un concessionario di Ponte Tresa e successivamente messa all'asta il 30 aprile 1994. Si ritiene che l'aria condizionata e la radio originali siano state sostituite da un sistema antincendio durante Cavadini —o di Beltrami— precedente proprietà. La Stradale 29 fu così acquistata da un collezionista belga e munita della targa NHK 275 il 15 settembre 1994. Tre anni dopo, era necessario un trasferimento nel Regno Unito e questa Lancia fu quindi sottoposta ad un completo aggiornamento meccanico completato nel settembre 1998 a 33.867 chilometri da MRH Engineering. Dopo circa 800 chilometri di esilarante uso su strada, questo proprietario decise che la Stradale 29 fosse un po' troppo eccitante e quindi decise di venderla al noto pilota d'epoca Stuart Rolt il 10 maggio 1999.

Ironia della sorte, l'azienda di famiglia di Rolt, FFD, aveva creato e sviluppato la tecnologia a quattro ruote motrici che avrebbe visto le vetture a due ruote motrici come la Lancia 037 rese universalmente obsolete nel Gruppo B e in tutte le altre forme di campionato rally. Sebbene in quanto ex pilota di auto sportive e Direttore e Presidente del prestigioso British Racing Drivers' Club (2004–2013), pochi erano più adatti di Rolt a esercitare la padronanza su questa 037 Rally Stradale Evolution II, e quindi la mantenne per i seguenti 15 anni. Sotto la sua attenta proprietà fu regolarmente mantenuta e occasionalmente apprezzata in competizioni amatoriali in diversi circuiti importanti tra il 2000 e il 2014. Rolt ha poi passato l'auto ad un collezionista americano alla fine del 2014. Alcuni mesi dopo, la Motor Kraft di Noblesville, nell'Indiana, è stata incaricata di completare circa 15.000 dollari di lavoro esperto, il che è evidenziato dal montaggio di due serbatoi di gas realizzati su misura montati appena a poppa della paratia posteriore della cabina. Durante la precedente proprietà sono stati acquistati anche un set di cerchi in lega Speedline corretti in fabbrica e oggi calzanti BFGoodrich G-Force. Acquistata nel 2021, ora indica poco meno di 38.600 chilometri, ed al momento della catalogazione, la Stradale 29 è uno speciale di omologazione Gruppo B notevole e ben documentato. Si parla di mezzo milione di euro, e se siete interessati, cliccate qui.

Articoli che potrebbero interessarti