Tu sei qui

Moto3, Guevara vince a Motegi con un telaio 'storto', 2° Foggia e 3° Sasaki

Izan era caduto nel warm up distruggendo la moto e i meccanici hanno fatto un miracolo per rimetterla insieme anche se non era perfetta. Lo spagnolo allunga in classica: ha 45 punti su Garcia

Moto3: Guevara vince a Motegi con un telaio 'storto', 2° Foggia e 3° Sasaki

Share


Veloce, freddo, intelligente, a Izan Guevara non manca nessuna caratteristica per essere un campione e infatti è in testa al campionato di Moto3. Un obiettivo più vicino di ieri, dopo avere vinto oggi a Motegi la sua quinta gara dell’anno. Su una pista dove non aveva mai corso prima, ha guidato come sa fare . Con una partenza perfetta si è portato dal 9° al primo posto in una manciata di curve, poi ha lasciato Sasaki fare il passo, prima di passarlo a 5 giri dalla fine e imporre il proprio ritmo.

A quel punto, Masia è caduto nel tentativo di seguirlo (uno spettacolare hoghside alla curva 12) e non è bastato nemmeno il miglior Foggia per impensierirlo. Dennis merita una menzione di merito, perché è l’unico pilota Honda nei primi 8, ma si è dovuto accontentare del 2° posto, davanti ad Ayumu Sasaki che è calato sul finale, avendo la soddisfazione del 3° gradino sul podio.

Ho dato davvero il massimo e ci ho provato, ma avevo finito le gomme ed è stato impossibile riprendere Izan all’ultimo giro” ha commentato Foggia.

Gino Borsoi, ai microfoni di Sky, ha rivelato un particolare quasi incredibile: “Guevara ha corso con un telaio non perfettamente dritto dopo la caduta nel warm up, ma sapevamo che c’era a fare la differenza” ha sorriso. Tutto questo rende ancora più grande la sua impresa. “Sono molto soddisfatto della mia partenza e della mia gara - ha detto lo spagnolo - Devo ringraziare la squadra che ha riparato la moto in tempo record”.

I primi tre hanno fatto la differenza e infatti Sergio Garcia, 5°, è arrivato al traguardo dopi 7 secondi e mezzo, riuscendo ad avere la meglio negli ultimi giri su Munoz, Moreira e McPhee. L’altro pilota del team Aspar è il primo rivale di Guevara in classifica e ha perso punti importanti. A quattro gare dalla fine, Izan ha 45 punti di vantaggio su di lui e 63 su Foggia, un bottino importantissimo.

Per quanto riguarda gli altri italiani, Andrea Migno ha chiuso la gara 9° davanti a Riccardo Rossi, mentre Stefano Nepa è stato 12°. Fuori dai punti Elia Bartolini (16°) mentre Nicola Ferraro è caduto. Non è stato il solo, perché la lista dei piloti che non hanno visto la bandiera a scacchi è lunga. A partire dal poleman Suzuki, volato al 5° giro mentre era nel gruppo di testa. Stessa sorte anche per Whatley, Kelso, Tatay, TOba, Hamada, Holgado, Fernandez e Fellon.

LA CLASSIFICA

Articoli che potrebbero interessarti