Tu sei qui

SBK, Vierge: “Con Petronas ho corso controcorrente e senza soldi”

“Ad inizio anno avevamo un piano di lavoro, ma non è stato rispettato, arrivando in Qatar con soli due test. Ho scelto Honda perché per loro la Superbike rappresenta la priorità quanto la MotoGP”

SBK: Vierge: “Con Petronas ho corso controcorrente e senza soldi”

Share


Quella di Valencia è stata l’ultima gara per diversi piloti in Moto2. È il caso di Bezzecchi, Di Giannantonio, e Gardner, così come di Fernandez e Vierge. Proprio quest’ultimo ha deciso di salutare il paddock del Motomondiale per tuffarsi in una nuova avventura, chiamata Superbike.

Per l’iberico quella con Petronas è stata un’annata molto complicata, come lui stesso ha confermato in una recente intervista rilasciata a Marca: “Dispiace molto per come è andata questa stagione – ha commentato Xavi – l’obiettivo iniziale era quello di puntare al titolo, avevamo anche un piano di lavoro ben dettagliato da seguire, che comprendeva tra l’altro delle giornate in galleria del vento. Alla fine però non ho abbiamo fatto niente di tutto ciò, dal momento che siamo arrivati in Qatar con due soli giorni di test”.

Il motivo era ben chiaro: “Lo sponsor si era ritirato, mancavano soldi, abbiamo quindi corso con il materiale vecchio controcorrente. Più di così non potevamo fare”.

Adesso però si apre una nuova avventura, rappresentata dalla SBK: “Questo è un progetto con un grande potenziale in prospettiva – ha detto – la moto è migliorata nelle ultime gare e in Giappone stanno svolgendo un grandissimo lavoro di sviluppo. Ho scelto Honda perché è una casa che considera la Superbike allo stesso livello della MotoGP e dove ci sono grandi ambizioni. L’obiettivo è vincere e so che con il lavoro potremo fare cose importanti”.

L’ultima considerazione è per Marc Marquez: “Gli ho scritto un messaggio, Marc è un campione, come tutti ben sappiamo. Sono convinto che tornerà forte e vincerà, cosa che tra l’altro ha già dimostrato durante questo anno”.

Articoli che potrebbero interessarti