Tu sei qui

MotoGP, Morbidelli: “Sono stato un po’ stupido nelle FP4 ma siamo veloci”

“Fino alla qualifica è stata una buona giornata, in FP4 ho fatto una modifica al forcellone ma con le soft mi sono dovuto adattare. Rossi verrà festeggiato con una sorpresa, faccio un in bocca al lupo a Petrucci per la Dakar, sono sicuro che farà bene”

MotoGP: Morbidelli: “Sono stato un po’ stupido nelle FP4 ma siamo veloci”

Share


Nonostante la terza Q2 consecutiva da quando è tornato dall’infortunio, Franco Morbidelli ha chiuso il suo sabato a Valencia con più di qualche rimpianto visto come erano andate tutte le sessioni di libere. Sempre nella top-10, Morbidelli al pomeriggio ha terminato con l’11° tempo in qualifica, frutto dell’1.30.781 che è risultato essere anche più lento – di un decimo e mezzo – del tempo ottenuto questa mattina nelle FP3 che gli aveva permesso di chiudere terzo. Tutto colpa di una modifica, fatta nelle FP4, per la quale Morbido si è pentito, come egli stesso ha ammesso dopo la qualifica.

“Fino alla qualifica è stata una buona giornata, devo dire di essere stato un po’ stupido, per il secondo run in FP4 ho tentato di fare qualcosa di diverso che non mi ha fatto sentire malissimo, è una cosa che ho tenuto ma con la soft mi sono dovuto adattareha detto Franco – Ho fatto solo un time attack e non è bastato. Nel secondo ho trovato le bandiere gialle, nel terzo ho trovato traffico. Sono stato sfortunato, mi pento di aver avuto questa mentalità da test tra FP4 e qualifiche. Però devo dire che questo weekend siamo stati veloci in tutte le sessioni ed è positivo. Devo muovermi un po’ di più sulla moto ma è un aspetto che miglioreremo quest’inverno una volta che il recupero sarà completo così da potermi muovere come piace a me. Finora è stato un buon weekend, siamo stati veloci e costanti sempre, esclusa la qualifica. Vediamo se domani riuscirò ad essere costante anche per tutta la gara”.

Che cosa cercavi con la modifica che hai fatto?
“Ho cambiato il forcellone, ne ho messo uno in carbonio, perché ero abituato ad usarlo sulla moto vecchia. Con questa moto però ha effetti diversi, io ho continuato a credere in esso anche per la qualifica ma non è stata la scelta giusta”.

Sembra che tu stia arrivando là davanti: è una cosa dovuta alla pista, a te o alla moto o è dovuto a una combinazione di tutti questi fattori? Domani sarai anche sulla fila più movimentata, ci sarà molto casino visto chi avrai vicino in griglia (Valentino parte 10° accanto a lui, ndr), è una cosa che può influenzarti in vista della gara?
“Vale non sarà l’unico a rendere il via movimentato, ci saranno tante cose per cui stare attenti. Sulla prima domanda, penso che siamo sicuramente migliorati con la moto, il team ha fatto un bel lavoro nel migliorare il setting e nel darmi quello che voglio dalla moto. Non ho mai iniziato una FP1 con una nuova moto ma da quando sono arrivato qui nel team ufficiale, in ogni FP1 ho avuto una moto diversa rispetto alla gara precedente e ogni volta la moto che provavo era un passo avanti rispetto alla precedente. Anche qui la moto con cui ho girato era un passo avanti rispetto a quella di Portimao e in pista si è visto. Sicuramente questa è una pista che in qualche modo è adatta a me, per via dei risultati passati. Ma anche a Portimao l’anno scorso ero andato bene, mentre quest’anno non è stato così. È una grande iniezione di fiducia la velocità mostrata nel weekend, spero di averla anche domani”.

La Ducati ha conquistato per la seconda volta nelle ultime gare tutta la prima fila, al sabato sono velocissimi e la Yamaha nella prima parte di gara con loro ha qualche problema: quanto sarà difficile domani e quanto potrebbe esserlo il prossimo anno con due Desmosedici in più sullo schieramento?
“Sarà difficilissimo. Sicuramente la Ducati ha trovato qualcosa di eccezionale per la qualifica se riescono a monopolizzare la prima fila e se riescono a mettere le moto di quest’anno là davanti. Sarà complicato per noi se mantengono questo comportamento anche l’anno prossimo, ma noi ci proveremo”.

Cosa ci dobbiamo aspettare per domani? Vi siete messi d’accordo per fare qualcosa per celebrare Valentino in pista?
“Nulla di particolare, non ci siamo messi d’accordo su come festeggiare Vale in pista, se si sono messi d’accordo non ne sono al corrente. In ogni caso lo vedrete domani, sarà una sorpresa, ma nulla di eccezionale. La cosa più bella sarà Vale”.

Questo fine settimana anche un altro italiano lascerà il Motomondiale, Danilo Petrucci: ci dai un tuo commento e cosa ne pensi del fatto che andrà alla Dakar?
“Sono molto amico di Petrux, abbiamo trascorso dei bei momenti, non tanto in pista ma fuori, è sempre stato un osso duro da affrontare in pista, è sempre stato un grande rivale e un grande pilota. Gli faccio un in bocca al lupo per la nuova avventura, l’ho visto in azione con le moto da offroad e va fortissimo, sono sicuro che farà bene”.

Articoli che potrebbero interessarti