Tu sei qui

Yamaha R7: giù i veli! Le basteranno 73 cavalli? Caratteristiche e prezzo

Sorprende nell'estetica, ma il cuore rimane il CP2 della MT-07, se pur con qualche modifica. Saprà convincere? La sfida con la Aprilia RS 660 (da 100 cv) resta a distanza, però gli animi li stuzzica eccome!

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Ha stuzzicato gli animi di tutti i motocilisti, con una sfida alla Aprilia RS 660 che le ha già fatto vincere il premio di moto più ricercata delle ultime settimane. Ora si tolgono finalmente i veli sulla nuova Yamaha R7, una moto che prende il nome di un modello epico del passato, ma che nasce da una base tecnica totalmente diversa.

La sua estetica provoca emozioni forti, richiamando alle sorelle della RSeries Yamaha, al punto che le prime foto rubate di qualche giorno fa (qui l'articolo) avevano spinto ad ipotizzare una cospicua iniezione di potenza per lei, rispetto ai circa 75 cavalli del CP2 standard della MT-07 e delle sorelle con cui lo condivide. In realtà le modifiche ci sono, sono piuttosto limitate. Una delusione? Una sportiva con queste potenze potrebbe far storcere il naso, ma intanto noi ci godiamo un mercato che torna a farci vedere le sportive, con potenze umane come i 100 cv della RS660, o i 73,4 di questa bellissima R7.

Yamaha R7: Nel rispetto della leggenda

Nessuna moto avrebbe mai osato confrontarsi con la YZF-R7 originale. Solo 500 esemplari prodotti in serie nel 1999 per ottenere l'omologazione per il World Superbike e la 8 ore di Suzuka. Cavalcata da piloti leggendari come Noriyuki Haga e Anthony Gobert la YZF-R7 è considerata una delle moto giapponesi più esotiche e desiderabili mai costruite. Il nome della nuova R7 è un tributo per la superbike YZF-R7 originale in edizione limitata. Orgogliosa portatrice di un nome illustre, la R7 2021 è un nuovo modo di pensare alle Supersport, creata per attirare un pubblico più giovane e realizzata per far provare alle nuove generazioni di piloti il brivido, l'emozione e l'orgoglio del possesso di ogni R-Series.

Nuova Yamaha R7: Si aggiunge una nuova dimensione all'R/World

Mentre vi sarà sempre un posto per le leggendarie R1M, R1 e R6 RACE, l'avvento della nuova R7 rende l'R/World una realtà per molti piloti più giovani che aspirano allo stile di vita Sportivo. Alimentata dall'amatissimo motore bicilindrico CP2, di enorme successo, famoso per l'erogazione corposa e lineare della coppia, oltre che per l'affidabilità e i bassi costi di esercizio, la nuova R7 è pronta a scuotere il mercato dei pesi medi. Rivestita con una carena splendidamente realizzata con specifiche elevate che comprendono pinze radiali, forcella a steli rovesciati e frizione antisaltellamento, la R7 è una nuova specie di moto che offre esaltanti prestazioni da Supersportiva con la straordinaria maneggevolezza e lo stile aggressivo della RSeries, il tutto a un prezzo molto competitivo.

Leggera, compatta e agile, questa stupefacente moto è progettata per offrire al pilota il più alto grado di controllo e il maggiore divertimento nella sua categoria, sia in pista che su strada. Questa Supersport è davvero accessibile a ogni pilota che desidera fare parte dell'R/World.

R7 è una nuova realtà ed essendo disponibile nelle versioni full power e da 35 kW è pronta ad attrarre un nuovo pubblico e ad avere un impatto decisivo sul mondo Supersport.

Motore CP2 da 689 cc: Prestazioni sportive con il divertimento di tutti i giorni

Con il suo chiaro focus sulla pura emozione di guida, l'accessibilità e la convenienza, la nuova R7 rappresenta una nuova dimensione entusiasmante della famiglia R-Series Supersport. Considerato come uno dei modelli di maggiore carattere, più reattivi e affidabili della categoria, il motore Yamaha CP2 da 689 cc è il propulsore perfetto per questo nuovo modello.

Con un albero motore a 270° che genera una sequenza di scoppi irregolari, il motore DOHC a 2 cilindri e 4 valvole raffreddato a liquido eroga una coppia corposa e lineare a tutti i regimi di giri, assicurando prestazioni vivaci a tutte le marce e a tutte le velocità del motore. La potenza massima di 73,4 CV (54 kW) viene generata a 8750 giri/min, la coppia massima di 67 Nm si raggiunge a 6.500 giri/min, regalando alla R7 un'accelerazione impeccabile da fermo, mentre le pulsazioni irregolari dell'albero motore a 270 gradi creano una sensazione di grande emozione quando salgono i giri.

Le modifiche dedicate al motore CP2 includono una nuova ECU, condotti di aspirazione ottimizzati, design dello scarico rivisto ed un nuovo setting inezione del carburante. Queste modifiche contribuiscono a migliorare il controllo e a fornire una risposta dell'acceleratore fluida e reattiva, regalando una piacevole esperienza di guida ricca di coppia, ottenendo al contempo la piena conformità EU5. Oltre a queste modifiche, la R7 utilizza un rapporto di trasmissione leggermente più corto, per avere un carattere più sportivo e accelerazioni più intense.

Frizione antisaltellamento: Massima controllabilità

Una caratteristica fondamentale della R7 è l'adozione di una frizione antisaltellamento (A&S), che consente un cambio marce più fluido e previene il saltellamento della ruota posteriore in caso di frenata violenta, producendo una guida più prevedibile e controllabile all'entrata in curva. Un altro vantaggio della frizione A&S della R7 è che offre una sensazione significativamente più morbida della leva, circa il 33% in meno rispetto a una frizione standard.

Cambio elettronico QSS: Opzionale

I piloti della R7 possono scegliere di avere un cambio elettronico (QSS) opzionale, ordinabile direttamente dal concessionario Yamaha . Il cambio elettronico QSS, semplice ma efficace, è dotato di una cella posizionata sull'asta del cambio e quando viene rilevato l'innesto di una marcia superiore l'ECU toglie immediatamente energia alla trasmissione per alcuni millisecondi, consentendo un innesto delle marce superiori più veloce e fluido, per un'accelerazione ancora più esaltante.

Nuovo Telaio : Maneggevolezza ultra reattiva

Snellezza e compattezza sono due delle caratteristiche distintive della R7 e questa nuova Supersport è realizzata con un telaio backbone progettato per offrire una guida reattiva e agile, insieme a cambi di direzione rapidi e svelti. Il corpo centrale in alluminio contribuisce a migliorare la precisione e la maneggevolezza della moto su pista e su strada, mentre il telaio in acciaio ad alta resistenza, utilizza tubi di resistenza variabile nelle posizioni chiave, al fine di ottenere un bilanciamento ideale della rigidità.

Forcella a steli rovesciati da 41 mm regolabile

Molta attenzione è stata prestata al design del nuovo pacchetto sospensioni della R7, per ottenere un feeling ed un feedback preciso in curva e in frenata. La nuova forcella KYB da 41 mm offre un alto livello di stabilità unita a una tenuta di strada sicura su pista e sulle strade tortuose, Gli stesi sono montati su due piastre a triplo morsetto la superiore fusa a gravità e quella inferiore in alluminio forgiato. La R7 facilmente si adatta alle diverse condizioni, grazie alla forcella, regolabile in compressione ed estensione. La regolazione delle compressione è situata nello stelo sinistro, mentre quella di estensione nello stelo di destra, le regolazioni sono facili e rapide. Per una manovrabilità precisa e un feedback accurato, le specifiche della forcella della R7 offrono un angolo di 23,7 gradi con un trail di 90 mm, e grazie all' interasse compatto di 1395 mm e una distribuzione ottimale del peso :51/49 anteriore/posteriore, questa nuova Supersport è stata progettata per curve intense e veloci.

Sospensione Monocross progressiva

La R7 adotta un nuovo sistema Monocross a leveraggio con caratteristiche di smorzamento e una costante elastica pensato per adattarsi al carattere sportivo della moto. Il montaggio orizzontale delll'ammortizzazione contribuisce alla centralizzazione delle masse, ed è facilmente regolabile in precarico ed estensione, permettendo di essere rapidamente configurato per l'uso in pista o su strada.

Posizione di guida Supersport

La posizione di guida della R7 è il risultato di molte ore di test da parte dei piloti e dei tester Yamaha, l'utilizzo dei manubrio clip-on conferma l'autentico DNA Supersport della moto. Dopo avere sperimentato una grande varietà di configurazioni tra manubrio/sella/pedane , il risultato finale è stato scelto per offrire una posizione di guida sportiva ma fruibile, che offre un'abbondante libertà di posizioni per gestire situazioni di guida diverse, in particolare sui circuiti di gara e sui percorsi più tortuosi.

Una caratteristica essenziale è il design della sella che si stringe attorno all'interno coscia e si allarga verso la parte posteriore, consentendo la massima libertà di movimento. L'ampiezza del manubrio, l'angolo di inclinazione e il posizionamento delle pedane sono stati accuratamente studiati per ottenere una posizione di guida ergonomica, che permette al pilota di ottenere un controllo ottimale insieme alla massima effcienza aerodinamica possibile. La capacità di stringersi alla moto è migliorata grazie al design del serbatoio , con rientri profondi per l'appoggio delle ginocchia che consentono al pilota di stringere la moto in frenata e in curva. La sella in stile race presenta un'imbottitura sulla parte superiore della coda, mentre il coprisella opzionale originale Yamaha può essere montato facilmente sulla R7 per i piloti che usano la moto in pista.

Pinze pompa radiali: Controllo sulla punta delle dita

Le credenziali da vera sportiva della R7 si possono osservare nel sistema frenante con pinze radiali a 4 pistoncini che offrono una potenza frenante precisa e uniforme per il massimo controllo in punta di dita. L'avanzato impianto frenante anteriore include anche una pompa radiale Brembo che fornisce una pressione di frenata lineare per una maggiore controllabilità.

Carena R-Series super-snella: Resistenza all'aria ridotta per prestazioni ottimali

La chiave per spingere al massimo una moto Supersport nel modo più efficace è ridurre l'impatto dell'area frontale il più possibile, ed è qui che la R7 presenta un grande vantaggio. Il compatto motore CP2 è uno dei più stretti nella classe 700 cc, mentre il telaio minimalista mantiene al minimo le dimensioni complessive. Questi fattori hanno permesso a Yamaha di creare la R-Series più snella di sempre, ancora più stretta rispetto ai modelli R3 e R125, rendendo la R7 una delle moto più aerodinamicamente efficienti con il pilota a bordo. L'area frontale di dimensioni incredibilmente ridotte non solo fa della R7 uno dei modelli Supersport dall'aspetto più stupefacente, ma paga anche in termini di prestazioni. Erogando la stessa potenza massima di qualsiasi altra Yamaha con motore CP2, la nuova e aerodinamica R7 è in grado di raggiungere una velocità massima notevolmente superiore.

Nuova strumentazione: Full LCD

Il compatto cruscotto Supersport è dotato di una strumentazione LCD di nuova progettazione, con un display in modalità negativa ad alto contrasto che offre informazioni chiare e facili da recepire, permettendo al pilota della R7 di concentrarsi sulla strada davanti a sé. Le caratteristiche comprendono l'indicatore di marcia nonché una spia del cambio e un indicatore del cambio elettronico QSS quando si utilizza questa funzionalità opzionale.

Caratteristiche tecniche principali

Motore bicilindrico da 689 cc con tecnologia crossplane CP2

Disponibile nelle versioni full power e da 35 kW

Design ultra compatto con il DNA puro della R-Series

Carena dal design a aerodinamico con dettagli in alluminio

Forcella USD da 41 mm regolabile

Sospensione posteriore Monocross di nuova progettazione

Frizione antisaltellamento A&S

Nuovo telaio supporto centrale in alluminio per una rigidità ideale.

Manubrio clip-on

Posizione di guida ergonomica sportiva e adattabile ai vari piloti

Muso "twin-eye" aggressivo da R-Series con luci di posizione a LED

Potente faro anteriore a LED

Cerchi leggeri in lega a 10 razze

Pinze freno radiale e pompa radiale Brembo

Cruscotto dal design Supersport con strumentazione full LCD

Condotto aria anteriore centrale in pure style MotoGP

Serbatoio slimline da 13 litri con incavi scolpiti per le ginocchia sco

Coda in stile R-Series

Pneumatico anteriore 120/70, pneumatico posteriore 180/55

Colori, disponibilità

La nuova R7 è disponibile in due nuove colorazioni scelte per il debutto delle nuove generazioni di R-Series. Il primo colore è Icon Blue, che viene utilizzato sulle superfici superiori della e per i cerchi, mentre i lati della carena presentano una tinta in blu opaco più scuro a contrasto. Il motore, le componenti del telaio e il forcellone sono finiti in tinta Crystal Graphite, che accentua la potenza e il dinamismo della R7.

L'R7 sarà inoltre disponibile nella colorazione Yamaha Black, con dettagli e grafica minimalisti. Questa finitura in nero lucido conferisce alla moto un look ricercato ed è completata dal motore e dal telaio Crystal Graphite. Il bello di questo schema cromatico puro è che regala alla R7 un carattere sobrio, che appare adatto a ogni situazione, dal circuito di gara, alla città. Le consegne ai concessionari Yamaha inizieranno a partire da ottobre 2021.

Il prezzo?

Sicuramente costerà meno della sua antenata, la prima R7, che ha quotazioni superiori a 50 mila euro. Battute a parte, sono aperte le scommesse su come si posizionerà tra i 7 mila euro circa del listino di una MT-07 e gli oltre 11 mila di una Aprilia RS660, che tecnicamente le è superiore. Plausibile quindi che Yamaha ci sorprenderà come è ormai abitata a fare con un pricing aggressivo, che possiamo ipotizzare la possa portare nell'area intorno agli 8.000 / 8.500 euro circa. Vedremo nelle prossime settimane se la nostra stima sarà confermata dai fatti.

Articoli che potrebbero interessarti