Test SBK, ufficiali ma non 'in regola'

La Race Direction permette la seconda moto, disappunto dell'Aprilia

Share


I test appena conclusi erano considerati a tutti gli effetti “ufficiali”, a differenza di quelli di giovedi-venerdi organizzati direttamente dai team. Stavolta c'era il cronometraggio del Mondiale ed erano in vigore tutte le norme FIM, compresa quella che prevede l'obbligo di utilizzare una sola moto più il rolling chassis premontato nel retrobox in caso di bisogno.

Pochi minuti prima dell'inizio della sessione di ieri però la norma sulla moto unica è stata parzialmente derogata da una circolare della Race Direction che ha concesso la disponibilità, sempre nel retrobox, di una moto completa già pronta per l'uso. Questo per evitare che i team perdessero ore per completare il rolling chassis in caso di indisponibilità della moto principale per caduta o problema tecnico grave. Chi era adeguato, come l'Aprilia, ha mostrato un certo disappunto.

Share

Articoli che potrebbero interessarti