Tu sei qui

MotoGP: Pedrosa piega le Yamaha

Indianapolis: Dani precede Spies, Lorenzo e Dovizioso. Hayden 9º davanti a Rossi

MotoGP: MotoGP: Pedrosa piega le Yamaha

Share


Prosegue lo spettacolo della MotoGP sullo storico circuito di Indianapolis. Nella seconda sessione di prove libere, Dani Pedrosa è stato l'unico pilota ad abbattere il muro dell'1'40, fermando il cronometro su 1'39.783. L'unico in grado di contenere il distacco dallo spagnolo è stato Ben Spies, staccato di due decimi nel ruolo – quest'anno insolito – di alfiere Yamaha davanti a Lorenzo e Dovizioso, entrambi staccati di 7 decimi ma in netta ripresa rispetto al turno del mattino, dove erano rispettivamente 8º ed 11º. Ha chiuso la Top 5 Casey Stoner, in leggera difficoltà nella ricerca del migliore assetto per la sua RC213V.

Peggiorata invece la situazione sul fronte Ducati. Dopo il terzo posto della FP1, Nicky Hayden ha chiuso in 9ª posizione, staccato di 1''6. 'Kentucky Kid' ha preceduto di un solo decimo Valentino Rossi, alle prese con problemi di aderenza soprattutto con gomme dure e autore di prove comparative sulle due moto a disposizione.

Tra le CRT, il miglior pilota in classifica è stato De Puniet, 11º a 2''. Buona prestazione anche per Mattia Pasini, 13º in sella alla ART del team SpeedMaster.  Ha invece saltato il turno la wild-card di Attack Performance affidata a Steve Rapp a causa di problemi al motore.

Dopo la brutta caduta durante la FP1, Hector Barbera non ha partecipato al secondo turno di prove. Lo spagnolo ha accusato un forte dolore al collo ed è stato portato all'ospedale per accertamenti, che hanno evidenziato piccole fratture alle vertebre cervicali 5, 6, e 8. Il pilota passerà la notte in ospedale, ed il suo posto sarà preso per il resto della settimana da Toni Elias (oggi 17º).

Sul fronte pneumatici, è interessante notare come Pedrosa abbia fatto il miglior tempo con gomme dure, che con ogni probabilità saranno la scelta obbligata in gara. Le Yamaha hanno invece girato con una morbida al posteriore.

I tempi della MotoGP:

I tempi della MotoGP ad Indianapolis

Articoli che potrebbero interessarti