Tu sei qui

Rivoluzione MotoGP: dal 2027 abbassatori vietati e cilindrata ridotta 850 cc

UFFICIALE - Tutte le novità del nuovo regolamento tecnico: anche l'aerodinamica verrà ridotta, il peso minimo di 153 kg e i serbatoi avranno una capienza massima di 20 litri

MotoGP: Rivoluzione MotoGP: dal 2027 abbassatori vietati e cilindrata ridotta 850 cc

La rivoluzione della MotoGP è iniziata e nel 2027, come ampiamente preannunciato, le moto cambieranno molto. Oggi la FIM ha reso noto il nuovo regolamento tecnico che conferma le indiscrezioni. Le maggiori novità saranno la riduzione di cilindrata da 1000 a 850 cc (ne avevamo parlato la scorsa estate), l’abolizione degli abbassatori e una riduzione dell’aerodinamica.

Di seguito le novità in dettaglio.

Cilindrata: La cilindrata dei motori della classe MotoGP passerà da 1000 a 850 cc. L'alesaggio massimo dei cilindri passerà da 81 mm a 75 mm. I motori rimarranno esclusivamente a 4 tempi, con 4 cilindri.

Concessioni: I costruttori che hanno corso nel 2026 inizieranno la stagione 2027 nel Rank B. Le classifiche saranno riviste a metà stagione nel 2027, sulla base dei risultati della prima parte della stagione 2027, mentre i risultati del 2026, prima delle modifiche regolamentari, non saranno conteggiati. Il sistema di classifica regolare riprenderà al momento del controllo di fine stagione, alla fine del 2027. I costruttori che non hanno corso nel 2026 inizieranno la stagione 2027 nel Rank D. Anche le loro classifiche saranno riviste al checkpoint di metà stagione nel 2027, sulla base della prima metà della stagione 2027.

Durata dei motor1: Il numero di motori disponibili da parte di ciascun pilota a contratto permanente si ridurrà a 6 (fino a 20 gare), o a 7 motori per stagione nel caso di 21 o 22 gare in calendario. I costruttori che rientrano nella classifica D delle concessioni continueranno a poter utilizzare due motori aggiuntivi per pilota a stagione.

GPS: I dati GPS di tutti i piloti saranno messi a disposizione di tutte le squadre al termine di ogni sessione.

Cambio: Nella classe MotoGP il numero totale di rapporti del cambio tra cui scegliere consentiti si ridurrà a 16, più 4 diversi rapporti complessivi per la trasmissione primaria, per ogni stagione.

Peso minimo: Il peso minimo della moto nella classe MotoGP sarà di 153 kg.

Sospensioni e ammortizzatori: Non sono ammessi dispositivi che cambiano l’altezza di marcia di alcun tipo, compresi i dispositivi "holeshot" attivati esclusivamente per la partenza della gara.

Serbatoi carburante: La capacità del serbatoio del carburante sarà ridotta a 20 litri per le gare lunghe  e sarà consentito un massimo di 11 litri per la Sprint.

Riduzione delle superfici aerodinamiche: La larghezza massima consentita della parte alta del corpo aerodinamico della carenatura anteriore si ridurrà da 600 mm a 550 mm, l'altezza massima del retrotreno si ridurrà da 1250 mm a 1150 mm, il punto più avanzato della carenatura anteriore (muso) sarà spostato indietro di 50 mm e anche la conicità posteriore delle appendici aerodinamiche della carenatura anteriore si restringerà. La parte posteriore della moto - cioè qualsiasi supericie aerodinamica dietro il pilota - deve essere omologata come parte dell'Aero Body. I costruttori potranno effettuare un solo aggiornamento per stagione.

Carburante e olio: L’uso di carburante al 100% non derivato dal petrolio è confermato dal 2027.

La FIM, insieme alla MSMA e ai fornitori di carburante della MotoGP, chiarirà tutti i dettagli tecnici attraverso il gruppo di lavoro TWG1, che include i rappresentanti di Dorna e IRTA, a partire da maggio 2024.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy