Tu sei qui

Facce da Donington

Il freddo è stato il protagonista del week end inglese e ci si riparava in ogni modo

Moto - News: Facce da Donington

Share


Donington ci ha illuso mercoledì, giovedì e parzialmente venerdì con un tempo quasi italiano (caldo e sole) poi da sabato mattina le condizioni climatiche sono cambiate totalmente con un freddo che ha condizionato fortemente le prestazioni, riscaldate da un po' di... agitazione in pista.

La temperatura si è abbassata pesantemente toccando addirittura un massimo di otto gradi!

A questo punto ogni soluzione che potesse scaldare era ben accetta. Erano soprattutto le mani a soffrire e oltre ai diffusissimi guanti di lana, c'era fonti di calore di emergenza come le termocoperte alle quali ricorre Leon Haslam.

Il cappello di lana è stato adottato, praticamente sempre da Carlos Checa e Ruben Xaus, mentre l'ingegner Giorgio Barbier (Pirelli) ci ha abbinato sempre i guanti.

Dettagli tecnico-climatici a parte, il tempo a Donington ha nuovamente fatto discutere sulla opportunità di correre in Gran Bretagna a fine marzo. E' evidente che la scelta di quest'anno sia dovuta all'assenza della Malesia, gara che era stata per certa ma per il futuro sarebbe il caso di ripensare il posizionamento in calendario della prova di Donington.

Stando a quanto ci ha detto Paolo Ciabatti, Direttore Generale della Superbike, si sta lavorando per spostare verso maggio la gara inglese, sostituita a marzo da un'altra prova extra europea.

Articoli che potrebbero interessarti