Tu sei qui

Walkner: “Un peccato che il mio traguardo non sia il podio, ma l’ospedale”

Si è conclusa prima del previsto la maratona del pilota austriaco, ricoverato a Dammam dopo una caduta nella 13esima prova: “È spaventoso quando inizi a perdere la sensibilità nelle gambe. Ho ancora molto dolore”

Dakar: Walkner: “Un peccato che il mio traguardo non sia il podio, ma l’ospedale”

Share


È finita al 55° chilometro della tredicesima tappa la Dakar 2023 di Matthias Walkner. Vittima una grossa compressione dopo un piccolo salto dal versante di una duna, il pilota austriaco della KTM è rimasto a terra dolorante, lamentando subito un forte dolore nella parte bassa della schiena. Prontamente assistito dal compagno di squadra Kevin Benavides, vincitore della prova grazie alla restituzione del tempo perso nei soccorsi, Walkner è stato portato in elicottero all’ospedale di Dammam, dove è stata fortunatamente esclusa qualunque lesione e dove resterà sotto osservazione almeno fino a domenica.

“Che dire… È stata una giornata difficile. L'intera gara è iniziata in modo molto sfortunato per me. Sono caduto nella seconda giornata, ho cercato di continuare e ora la Dakar è finita alla penultima tappa - ha scritto Matthias sui social, raccontando l’accaduto - Mi ci sono volute otto ore per arrivare in ospedale e quasi dieci per la risonanza magnetica. Sinceramente, è davvero spaventoso quando inizi a perdere la sensibilità nelle gambe. Ho ancora molto dolore, ma per fortuna non c'è nulla di rotto”. 

Con i due alfieri KTM, Price e Benavides, pronti a giocarsi la vittoria finale nell’ultima prova della maratona, si fa ancora più amaro lo sfortunato epilogo della Dakar di Walkner, che non può fare a meno di pensare alla sua squadra e al gesto del pilota argentino.

“Vorrei ringraziare Kevin Benavides che si è fermato ad aiutarmi, il team medico e tutto il team KTM! È un peccato che il mio traguardo della Dakar sia in ospedale e non domani sul podio con la mia squadra - ha chiosato l’austriaco - Mi dispiace tanto per il mio team e per tutte le persone che hanno fatto il tifo per me e che hanno creduto in me. Auguro il meglio ai miei compagni di squadra per l'ultima giornata di domani! Portate a casa la vittoria!”.

Articoli che potrebbero interessarti