Tu sei qui

MotoE, Matteo Ferrari: "con le elettriche c'è il 'front lock' come in MotoGP"

VIDEO - Stamattina sono stati tolti i veli alle moto dei nuovi piloti per la stagione in Moto2 e MotoE. Matteo Ferrari alla caccia del titolo con la Energica, Finello al debutto sulle elettriche. Salac e Zaccone in Moto2

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Dopo aver ammirato le Ducati che porterano in pista Enea Bastianini e Fabio Di Giannantonio, stamattina è il turno della Moto2 e della MotoE per il Gresini Racing. Alle 11:00 sarà infatti trasmessa in LIVE streaming la presentazione di moto e piloti impegnati in queste categoria difendendo i colori della squadra faentina. 

In Moto2 si punterà sul talento dei due debuttanti Alessandro Zaccone e Filip Salac e per quanto riguarda l'italiano si tratta di un ritorno nella famiglia Gresini dopo aver corso la stagione in MotoE del 2020. Salac ha invece una lunga esperienza in Moto3 e si è guadagnato sul campo la possibilità di debuttare in Moto2 dopo aver dato sfoggio di un'ottimo talento a cui serve probabilmente maggiore continuità.

Per quanto riguarda la MotoE, Gresini Racing continua la partnership con Matteo Ferrari, alla quarta stagione in sella alla Energica. Matteo ha chiuso sempre sul podio iridato ogni stagione, con la perla del titolo conquistato nel 2019, anno del debutto della categoria elettrica. Ovviamente punta a conquistare la seconda corona in MotoE, mentre al suo fianco debutterà nella categoria Alessio Finello che ha una lunga gavetta alle proprie spalle vissuta in Italia tra Moto3, SuperSport 600 e National Trophy. 

Salac: "Il progetto giovani della Repubblica Ceca è stato un aiuto concreto"

"Per me sarà tutto nuovo dopo un anno difficile in Moto3, per quella moto ero troppo alto - ha detto il pilota Ceco -
Questo inverno mi sono allenato con una moto più simile alla Moto2, la mia Yamaha R1, e posso dire che mi sento molto più a mio agio.
Sarà una nuova avventura per me e dovrò fare molta esperienza, farò il possibile per imparare velocemente e darò sempre il massimo.
Mi manca davvero tanto l’azione in pista, ma dovrò resistere ancora un po’ per i test di febbraio, non vedo l’ora di lavorare di nuovo con la 
In attesa mi sto concentrando sull’allenamento in palestra, ho bisogno di rafforzare la muscolatura e adattarla alla Moto2 che ha una struttura diversa. Ma ad essere sincero, mi piace di più questo tipo di allenamento! Sono contento non voglio parlare molto, voglio correre. E’ un bel salto nella carriera, non so cosa aspettarmi, e ho fatto il primo test solo l’anno passato. La cosa che più mi ha impressionato ovviamente è stata la potenza venendo dalla Moto3. Faccio parte del progetto da cinque anni della Repubblica Ceca (ACCR), è stato un aiuto concreto".

Zaccone: "sono ancora al 90% dopo l'infortunio del 2021"

"Sarà il mio primo anno nel mondiale Moto2 quindi la cosa più importante sarà cercare di capire nel minor tempo possibile le piste nuove: le prime quattro saranno un po’ difficili ma non vedo l’ora di girarci! - ha spiegato Zaccone - La pausa invernale è sempre stata una lunga sofferenza, ma quest’anno davvero sembra non finire mai, forse perché è stato difficile trovare una Moto2, è come un sogno che sta per diventare realtà, dobbiamo solo aspettare i test. Nel frattempo mi sto allenando in palestra, con la moto da cross e con il motard, cercando di tornare al 100% dopo l’infortunio dell’anno scorso. Siamo già a buon punto quindi sono fiducioso. Sono eccitato perché sognavo questo momento. Devo ringraziare la famiglia Gresini, ma ora devo imparare rapidamente: ho già guidato la Moto2 nel campionato spagnolo, ma con motore Honda. Sicuramente conosco un po’ la categoria, il telaio, ma il livello nel mondiale è più alto. Fernandez ed Acosta hanno alzato l’asticella del rookie. Io non conosco le piste europee ma non è una scusa. Smith, Garzo, Torres sonin vantaggio. E anche i rookie saranno molto competitivi".

Ferrari: "In MotoE importante la frenata: c'è il 'front lock come in MotoGP!"

Nel Live con i piloti, il più gettonato è stato Matteo Ferrari, del resto è quello, fra tutti, che fra Superbike e MotoE è quello con più esperienza.

"Sono eccitato di continuare con Gresini, 4 anni assieme, con grandi risultati, vogliono dire qualcosa. Voglio partire meglio del 2021. Amo questa moto, certo con due gare nel fine settimana sarà più difficile rispetto all’anno passato, significa anche avere più punti da conquistare.
Io ho guidato moto diverse, in MotoE devi stare attento perché sei senza Traction Control, in SBK invece c’è. La differenza è questa, ed il peso perché la MotoE è molto pesante, poi c'è la frenata dove si può incappare nel 'front lock' come la MotoGP.

Ducati entrerà nella categoria l'anno prossimo e siamo tutti molto curiosi, è un bello stimolo. Comunque quest'anno tutti lavoreranno con grande entusiasmo. Energica ci ha creduto subito. E la nuova moto è pazzesca, sinceramente con questo abbinamento di colori giallo-azzurro mi piace ancora di più della MotoGP Gresini, già stupenda. Quest’anno voglio tornare al top, quindi abbiamo deciso di modificare il metodo di allenamento e l’alimentazione: sarò pronto già per i test. In questo periodo di attesa, stiamo valutando con la squadra eventuali modifiche che si potranno fare sulla moto così da arrivare ai test già con le idee ben chiare sul lavoro da svolgere.

Mi manca troppo salire in moto, basti pensare che l’ultima gara è stata a settembre. Quest’anno ci saranno 14 gare quindi il campionato sarà più competitivo, ci saranno più possibilità di recuperare. L’anno scorso dopo 7 gare sono arrivato davvero vicino, terzo in campionato, ma quest’anno non basta, l’obiettivo è vincerlo. Voglio partire con il piede giusto e per farlo dovremmo lavorare molto bene a Jerez, facendo vedere che siamo già pronti. L’anno scorso era stato questo il nostro tallone d’Achille".

Finello: "ho lavorato in palestra per prendere massa e preparami per la MotoE"

La conferenza stampa è stata chiusa da Alessio Finello.

"Le aspettative sono alte: sono una persona che punta sempre al top e voglio farlo anche in questa occasione. So che devo prenderla con calma, è il mio primo anno e dovrò imparare il più possibile. L’importante è migliorare sempre, dare sempre il 100%, iniziare in un modo e finire in uno migliore. La moto è una bomba, questi nuovi colori, soprattutto l’azzurrino è incredibile. La combinazione opaco- lucido è veramente bella, sarà unica nel suo genere in pista. Mi è piaciuta talmente tanto che ho deciso di ispirarmi a lei anche per la grafica del mio casco: avendo tre caschi ho deciso di farne uno tutto lucido, uno interamente opaco e uno lucido e opaco come la moto.

Mi manca un bel po’ salire in moto, è da ottobre che non vado in pista, però mi sono allenato con la moto da cross e in palestra, dove ho dovuto stravolgere il mio metodo d’allenamento, visto il peso notevole della MotoE; ho già preso 2/3 kg di massa, questa moto richiede tanta forza per essere guidata al meglio. Spero di poter tornare in pista davvero il prima possibile perché sento proprio che in questo momento manca qualcosa nella mia vita, ed è la sensazione che solo correndo si può provare. Ho una gran voglia di ricominciare!".

Guarda la GALLERY della MotoE!

Guarda la GALLERY della Moto2!

Articoli che potrebbero interessarti