Irruzione di agenti armati FBI negli uffici di Ducati North America

In un vero e proprio blitz, avvenuto il 17 dicembre, gli agenti federali hanno eseguito un ordine del tribunale. Una lunga perquisizione ma nessun arresto. Nessuna conferma sulla natura delle indagini

Share


L'FBI ha fatto irruzione negli uffici di Ducati North America e la notizia è stata diffusa tramite il Bay Area Rider Forum, per poi essere verificata dai colleghi americani di RoadRacingWorld. Il commento al riguardo espresso da Phil Read, Direttore Marketing di DNA è degno di una sceneggiatura hollywoodiana.

"E' prassi di Ducati North America cooperare pienamente con le indagini delle agenzie governative - queste le sue parole -  Nell'ambito di tale cooperazione, Ducati North America non commenta tali indagini".

Lo scenario descritto parla di circa 30 agenti armati che avrebbero fatto irruzione nella sede degli uffici, situati in California a Mountain View. Diversi utenti del forum che etrano presenti al momento dell'episodio hanno riportato la propria esperienza. Uno di questi è stato Shawn Keane, che è anche uno dei moderatori del forum BARF.

"Ero lì. Non ho mai avuto tanta paura in vita mia. Non so perché fossero lì, forse un'enorme frode fiscale o un'appropriazione indebita?"
Aggiornamento:

Ad ulteriore conferma di quanto avvenuto, pur non avendo al momento nessun elemento per valutare su cosa possano vertere le indagini, sono arrivate le dichiarazioni di Katherine Zackel, portavoce dell'FBI.

"Posso confermare che l'FBI di San Francisco si trovava in quella località il 17 dicembre 2020, per svolgere attività di contrasto autorizzate dal tribunale.  Alla data odierna, non sono disponibili registri pubblici. A causa della natura continua dell'indagine, non posso commentare ulteriormente in questo momento".

Articoli che potrebbero interessarti