Tu sei qui

MotoGP, Borsoi: “Martin è ancora più forte del 2023: abbiamo il pilota migliore”

“Jorge ha compiuto un altro passo avanti rispetto all’anno scorso, soprattutto nella mentalità. Non voglio parlare del suo futuro ma del presente, perché abbiamo un’occasione incredibile per vincere il titolo”

MotoGP: Borsoi: “Martin è ancora più forte del 2023: abbiamo il pilota migliore”

Già nel 2023 Jorge Martin era riuscito a togliersi qualche soddisfazione sulla pista di Le Mans, dove quest’anno ha vissuto un fine settimana perfetto, dominando la scena dalla prima all’ultima uscita. Leader già dal venerdì, lo spagnolo del team Pramac Racing ha colto il successo in entrambe le gare disputate nel dipartimento della Sarthe, togliendosi anche lo sfizio di far suoi la pole position e il record del circuito Bugatti. Una dimostrazione del livello e della maturità raggiunti dal 26enne in questo incredibile inizio di stagione, commentato dal Team Manager del team Pramac Racing, Gino Borsoi, al termine del GP di Francia.

“Non abbiamo mai visto qualcosa del genere da parte di Jorge. Sappiamo che è un pilota talentuoso, ha mostrato la sua velocità già la scorsa stagione, soprattutto nell’ultima parte, ma quest’anno è ancora più forte. Ha fatto delle gare fantastiche fino a questo momento e quella di oggi è stata la sua miglior gara della stagione. È riuscito a lottare con due piloti incredibili e anche a vincere la gara. Non soltanto oggi ma anche sabato, quando ha centrato anche il record in qualifica - ha ricordato il manager veneto al sito ufficiale della MotoGP - Cos’altro possiamo dire di Jorge? È un pilota incredibile e sappiamo di avere un’altra occasione quest’anno. Vedremo cosa succederà in futuro, ma  ritengo che al momento abbiamo il pilota migliore”.

Veloce e costante già sul finire della passata stagione, Martinator ha ulteriormente alzato l’asticella in questo avvio di campionato.

Ha compiuto un altro passo avanti rispetto all’anno scorso, soprattutto riguardo alla mentalità, che è migliorata rispetto alla scorsa stagione. Sa di avere tutti gli strumenti, la moto e una squadra incredibile alle sue spalle - ha spiegato Borsoi - Ha un’altra grande occasione e non dobbiamo far altro che arrivare in circuito e lavorare per il weekend senza fare niente di speciale, perché è veloce tutti i fine settimana non soltanto in una gara. Non ci sono alti e bassi, come magari ce n’erano stati la passata stagione. La velocità c’è ogni volta, quindi non dobbiamo impazzire cercando qualcosa di diverso da ciò che abbiamo in questo momento. Sappiamo di avere un’ottima base e tutto ciò che serve per lottare. Vedremo come andrà, ma come ho detto non dobbiamo diventare matti per il titolo, anche se abbiamo sicuramente un’occasione incredibile”.

Dopo i primi cinque round di campionato, il madrileno si trova infatti in vetta alla classifica iridata con 129 punti e 38 lunghezze di vantaggio sul due volte campione Francesco Bagnaia, primo degli inseguitori. È ancora presto per palare di titolo, ma che risultato sarebbe per una squadra satellite come Pramac?

Sarebbe il perfetto scenario per Jorge e il team se fossimo in grado di battere Pecco e un Marc Marquez, che anche in questa gara ha dimostrato di avere una velocità incredibile. Sarebbe ancora meglio, perché vincere il campionato contro dei piloti che non sono particolarmente veloci è grandioso ma non è incredibile come lo sarebbe in questa stagione, perché abbiamo uno show perfetto e delle gare straordinarie - ha sottolineato il 50enne - Credo che gli spettatori siano felici di assistere a uno spettacolo incredibile come quello visto qui. Spero che avremo delle gare del genere anche in futuro e sarebbe davvero bello riuscire a battere tutti questi ragazzi”.

Guardando proprio al futuro è impossibile non chiedersi di che colore e marca sarà la moto che guiderà Martin nel 2025

“Tutti parlano del prossimo futuro di Jorge, se resterà con noi, se andrà in Ducati o da un altro costruttore, ma al momento siamo concentrati sulla stagione, perché sappiamo di avere un’altra grande occasione. Non voglio parlare del futuro, ma del presente - ha tagliato corto il Team Manager - Adesso siamo al comando e abbiamo un pilota incredibile che è primo in campionato e dobbiamo mantenere questo atteggiamento. Magari potremo riparlare del futuro più avanti, ma adesso non è il momento”.

Articoli che potrebbero interessarti