Tu sei qui

SBK, Motoxracing inaugura il 2024 svelando la Yamaha R1 di Bradley Ray 

Prima squadra a presentare moto e piloti per la prossima stagione, la struttura di Sandro Carusi è pronta per alzare l’asticella con il pilota britannico, affiancando alla partecipazione al Mondiale SBK il suo ritorno in SSP300

SBK: Motoxracing inaugura il 2024 svelando la Yamaha R1 di Bradley Ray 

Si è aperto nella sede di Fiano Romano il 2024 del team Motoxracing. L’inaugurazione del nuovo GYTR PRO SHOP Yamaha alle porte di Roma è stata infatti l’occasione perfetta per il Team Principal Sandro Carusi e i suoi piloti per dare avvio al valzer delle presentazioni 2024, svelando moto e ambizioni con cui saranno al via dei Mondiali SBK e SSP300 nella prossima stagione.

Riconfermato dopo la bella crescita mostrata lo scorso anno, in cui ha ottenuto come miglior risultato un sesto posto in Gara 2 a Imola, il campione 2022 del BSB Bradley Ray è pronto a rilanciare nel 2024. Anno in cui tornerà in sella alla Yamaha R1 schierata dal team Motoxracing, con una livrea parzialmente rinnovata, per disputare la sua prima stagione completa nel Mondiale Superbike, dopo aver preso parte ai soli Round europei nel 2023.

Una grande occasione per il pilota britannico, per continuare il suo percorso con la R1 e confermarsi stabilmente in Top 10.

Motoxracing torna in WorldSSP300 con Bartolini ed Ercolani

All’impegno in WorldSBK, la struttura capitanata da Sandro Carusi affiancherà inoltre la partecipazione al Mondiale SSP300, dove schiererà due piloti di talento come Emiliano Ercolani ed Elia Bartolini. Con quest’ultimo che non ha potuto prendere parte alla presentazione per via della concomitanza con la 100km dei campioni a cui parteciperà questo fine settimana.

Non una nuova avventura ma un ritorno nel campionato per il team Motoxracing, che aveva già gareggiato nella classe cadetta della Supersport tra il 2017 e il 2021.

“Abbiamo abbandonato il progetto nel 2021, ma lo abbiamo ripreso con piacere quest’anno perché è interessante in vista del 2025, quando potrebbero esserci dei cambiamenti nella categoria. In più, Emiliano ha dimostrato tanta serietà e professionalità in questi anni e ci sono tutti i presupposti per fare bene già da questo primo anno in SSP300, in cui sarà affiancato da un pilota come Elia Bartolini, che non conosce la categoria ma ha già un bel curriculum. Abbiamo due bei ‘cavallucci’, come si dice in gergo” ha spiegato il Team Principal, che affiderà i suoi due portacolori a un capotecnico d’esperienza come Vanni Lorenzini. 

Photocredit: Pier Luca Brunetti

Articoli che potrebbero interessarti