Tu sei qui

SBK, Bradley Ray a caccia di conferme a Donington dove divenne grande nel BSB

Nel week-end il British Superbike va in scena sul layout 'National' di Donington Park con Bradley Ray intenzionato a consolidare la leadership di campionato. Occhi puntati sui progressi della coppia FS-3 Racing Kawasaki, prova del nove per Tom Sykes e Ducati

SBK: Bradley Ray a caccia di conferme a Donington dove divenne grande nel BSB

Share


Il British Superbike si appresta a vivere il terzo appuntamento del 2022. A distanza di tre settimane dai verdetti di Oulton Park, nel week-end i protagonisti del BSB saranno di scena sul layout ‘National’ di Donington Park. Diventato parte integrante del calendario moderno del campionato d’oltremanica, la breve conformazione del tracciato delle Midlands ha solitamente proposto corse emozionanti e ricche di sorpassi. Un filone che salvo imprevisti si ripeterà anche questa volta, con Bradley Ray intenzionato più che mai a consolidare la propria leadership nella generale nel medesimo teatro in cui salì prepotentemente in cattedra trionfando in entrambe le gare d’apertura della stagione 2018, allora però nella configurazione 'Grand Prix'.

Ray per incrementare

Rigenerato dalla scelta di Rich Energy OMG Racing di sposare un nuovo pacchetto tecnico, passando da BMW a Yamaha, Ray sta vivendo un’effettiva rinascita. Sprecata malamente l’opportunità di tornare dopo 4 anni alla vittoria a Silverstone complice una caduta in Gara 2, si è poi rifatto con gli interessi: doppietta e podio in tre gare a Oulton Park, impreziositi dalla vetta della classifica a 102 punti. Intenzionato a dare seguito all’ottimo momento di forma, cercando ove possibile di guadagnare Podium Credits in chiave Showdown, “Telespalla” può pertanto confidare nel favorevole rapporto con Donington Park (oltre al già citato 2018, nel 2021 primo podio da portacolori OMG Racing).

Occhio a Kawasaki

Ray dovrà tuttavia vedersela contro l’agguerrita concorrenza che storicamente contraddistingue il BSB. Sulla scia del recentissimo 1-2 conseguito alla North West 200 nella classe Superbike, Glenn Irwin tenterà di riappropriarsi della leadership, distante 6 lunghezze. Se il portacolori Honda Racing UK ha faticato a digerirli dopo l’eccezionale tripletta di Silverstone, i saliscendi di Oulton Park hanno esaltato la coppia FS-3 Racing: Lee Jackson ha riportato la Kawasaki sul gradino più alto del podio, mentre il 20enne Rory Skinner (3° a -16 da Ray) è sempre più una costante nelle posizioni di vertice. Lecito aspettarsi una conferma, senza dimenticare i vari Kyle Ryde (OMG Racing), Jason O’Halloran (McAMS Yamaha), Tommy Bridewell (MotoRapido Ducati), Peter Hickman (FHO Racing BMW) e il Campione 2018 Leon Haslam (VisionTrack Kawasaki), reduce dal podio in Gara 2 nell’ultimo round.

Ducati prova del nove

Nella speranza di ritrovare finalmente il Campione 2021 Tarran Mackenzie, costretto a saltare i primi due round per la frattura alla caviglia nei test precampionato (domattina prima della FP1 la comunicazione ufficiale dei medici), il fine settimana alle porte rappresenterà un importante crocevia per lo squadrone MCE Ducati. Il Campione 2015-2020 Josh Brookes ha mostrato solo a sprazzi le personali doti velocistiche, invece per Tom Sykes il piatto piange con appena 13 punti totalizzati in 6 gare. Che il rientro nel BSB non sarebbe stato un boccone da ghiotti si sapeva, ma urge cambiare rotta al più presto: Donington Park la pista ideale dove farlo, dove nel Mondiale di categoria si è spesso rivelato inbattibile.

Articoli che potrebbero interessarti