Tu sei qui

SBK, Sabato perfetto per Irwin e Honda nel BSB: dopo la pole, ecco la vittoria!

Glenn Irwin porta la Honda al successo nella prima gara del British Superbike 2022 a Silverstone, regolando in volata Kyle Ryde e Bradley Ray. Tom Sykes arranca 12°, out Leon Haslam

SBK: Sabato perfetto per Irwin e Honda nel BSB: dopo la pole, ecco la vittoria!

Share


A dispetto di un promettente esordio nel campionato nazionale Superbike per eccellenza, datato 2020, successivamente la CBR 1000 RR-R aveva vissuto dei periodi a corrente alternata. Affinata ulteriormente sul piano tecnico da Honda Racing UK nel corso della prolungata pausa invernale e da quest'anno vestita con i colori celebrativi del suo 30esimo anniversario, la Fireblade ha letteralmente monopolizzato l’avvio di stagione del British Superbike 2022 sul layout ‘National’ (corto) di Silverstone. Scattato dalla pole position, Gara 1 si è trasformata in un autentico assolo di Glenn Irwin (punta di diamante del progetto della casa dell’Ala Dorata nel BSB), al termine però di un trialismo coinvolgente con gli arrembanti Kyle Ryde e Bradley Ray.

Irwin e Honda trionfano

Mantenuto l’holeshot allo spegnimento dei semafori, Glenn Irwin lo ha di fatto conservato per gli interi 24 giri della contesa, sino alla bandiera a scacchi. Tutto vero, anche se in concreto ha dovuto vedersela contro la coppia Rich Energy OMG Racing, in grande spolvero per l’intero week-end e assolutamente rigenerata dal recente passaggio a Yamaha. Malgrado gli assalti a più riprese di Bradley Ray prima e Kyle Ryde (pupillo di Jonathan Rea...) poi, l’originario di Carrickfergus non ha commesso la men che minima sbavatura, tagliando il traguardo con pochi decimi di margine sugli inseguitori per assicurarsi la quinta vittoria in carriera, la numero 93 della storia per Honda Racing UK.

Kawasaki dal doppio volto

Se Kyle Ryde si è dovuto accontentare del secondo posto (in Gara 2 scatterà dalla pole in virtù del giro più veloce in 53”171 valevole come nuovo primato della pista) e il redivivo Bradley Ray del terzo, la gara odierna ha avvalorato i progressi compiuti dal giovane astro nascente Rory Skinner. Alla seconda stagione nel BSB, il 20enne scozzese di FS-3 Racing ha finito ai piedi del podio davanti a un anonimo Jason O’Halloran e Andrew Irwin, salvando al contempo il bilancio in casa Kawasaki: il Campione 2018 di categoria Leon Haslam si è infatti dovuto ritirare anzitempo per un problema al motore mentre si trovava in lotta per la top-5.

Sykes rimandato

Un rientro in madrepatria decisamente in salita per “Pocket Rocket”, analogamente a Tom Sykes. Il Campione del mondo Superbike 2013 non è andato oltre il 12esimo posto, distante addirittura 13 secondi dal vincitore. Troppo presto, comunque, trarre conclusioni considerato che la Panigale V4-R ha sempre faticato a digerire la breve conformazione di Silverstone, come testimoniato dalla prestazione incolore di Tommy Bridewell, settimo e migliore dei Ducatisti. Sykes può quantomeno consolarsi (si fa per dire) per essere riuscito a tenersi alle spalle il compagno di squadra nonché Campione 2015-2020 Josh Brookes. Entrambi avranno modo di rifarsi domani con le restanti due gare del primo round stagionale.

RISULTATI:

Articoli che potrebbero interessarti