Tu sei qui

Moto2, Remy Gardner vs Raul Fernandez: la sfida infinita prima della MotoGP

IL MATCH POINT Remy, 23 anni, figlio del campione del mondo 500cc del 1987 Wayne Gardner, a Portimao dovrà aumentare il suo vantaggio su Fernandez di ulteriori otto punti per laurearsi campione del mondo della Moto2

Moto2: Remy Gardner vs Raul Fernandez: la sfida infinita prima della MotoGP

Share


Remy Gardner si avvicina alla penultima gara della stagione con 18 punti di vantaggio sul compagno di squadra Raul Fernandez. Il titolo della Moto2 potrebbe quindi essere deciso al prossimo GP dell'Algarve, a Portimão.

La coppia del team Ajo si è battuta ferocemente, ma con correttezza, durante l’arco dell’intero campionato e se Raul Fernandez non fosse caduto a Misano, il rookie 21enne sarebbe in viaggio verso il Portogallo questa settimana come leader del campionato del mondo. Invece, il suo incidente ha fatto sì che Remy Gardner ottenesse il suo primo match point.

Remy comunque non può pareggiare: in caso di parità di punti, infatti, Raul prevarrebbe grazie alle sue sette vittorie contro le quattro dell’attuale leader iridato.

Remy, 23 anni, figlio del campione del mondo 500cc del 1987 Wayne Gardner, dovrà aumentare dunque il suo vantaggio di ulteriori otto punti per laurearsi campione del mondo.

Tale padre, tale figlio: un 'simpatico' tweet di Remy dello scorso anno

Sarebbe il completamente di una crescita lenta nel mondiale, avendo Remy iniziato a correre nel 2014, in 125, proprio con una KTM, totalizzando un unico punto, nel GP della Malesia. Passato alla Moto2 nel 2016, l’australiano, senza disporre in verità di gran materiale sembrava destinato ad una carriera da comprimario fino al 2019, l’anno in cui, pur senza fare sfracelli, ha conquistato il primo podio in Argentina, alle spalle di Baldassarri e davanti ad Alex Marquez.

Da lì sembra che Remy abbia acquistato consapevolezza delle sue possibilità, perché poi l’anno successivo, il 2020, è arrivata la prima vittoria, in Portogallo ed un secondo e due terzi posti e con loro un deciso miglioramento del materiale a sua disposizione.

Essendo figlio d’arte si potrebbe pensarlo come assistito nei box dal padre. In realtà Wayne, che lo ha supportato all’inizio della carriera, nell’anno appena trascorso si è limitato a fare il tifo per il figlio con l’iconico “Go! Go! Remy” da lontano, avendo iniziato ad assaporare, da vero ‘Aussie’ il piacere di guidare la moto nell’immenso continente australiano ed in Europa, come un motociclista qualsiasi.

Eccoci quindi all’appuntamento finale: la prima del campionato del mondo Moto2 a Portimao, l’anno passato è stata vinta da Remy Gardner (ancora sulla SAG-Kalex) il 22 novembre 2020, mentre il primo GP di Portimão, quest'anno, è stato vinto da Raul Fernandez.

Ecco dunque tutte le possibilità di Remy Gardner di far felice Wayne:

    Remy vince e Raul arriva terzo al massimo.
    Remy arriva secondo e Raul non va oltre il 5° posto.
    Remy è terzo sul podio e Raul non va oltre l'ottavo posto.
    Remy finisce quarto e Raul manca la top 10.
    Remy finisce quinto e Raul non va oltre il 13° posto.
    Remy finisce sesto e Raul finisce 14°
    Remy finisce settimo e Raul finisce 15°
    Remy finisce ottavo e Raul non ottiene alcun punto.

Ma comunque vada, il prossimo anno i due dovranno ricominciare la sfida, questa volta in MotoGP, essendo entrambi stati promossio al team satellite KTM Tech 3 di Hervé Poncharal.

La storica passeggiata di Wayne e Remy a Phillip Island, la pista su cui the 'Wollongong Wizard' vinse nel 1989 in 500

 

Articoli che potrebbero interessarti