Tu sei qui

Un e-motard in una cristalleria: l'ultima impresa di Red Bull

Il freestyler americano Aaron Colton porta a spasso una e-motard (una Alta Motors trasformata) in una cristalleria. Numeri da circo e nessun danno...

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Perchè non farsi un giro in moto nel Corning Museum of Glass di New York? Fattibile... ma lo scarico di una moto potrebbe fare danni per via di qualche decibel in più. Ecco l'idea, sponsorizzata da Red Bull: girare all'interno con una e-motard. Un mezzo elettrico dunque, che non possa far danni. Serve perà un pilota bravo... e vi pare che la famosa bevanda energetica non ne abbia uno per le mani? Aaron Colton, un nome, una garanzia.

Aaron Colton: qualcosa su di lui

Aaron Colton è un freestyler americano che ha gareggiato in diverse discipline motociclistiche, come lo Street Freestyle, l'AMA Pro Road Racing e l'AMA Pro Flat Track, oltre a diverse fare gare WORCS, supermoto e motocross. Per questo video ha visitato il museo del vetro più importante al mondo ed una delle migliori scuole di lavorazione del vetro (sono ospitati oltre 50.000 oggetti che rappresentano 3.500 anni di storia).

Nella sua prima costruzione elettrica, il freestyler Colton ha impiegato sei mesi per trasformare un Alta Redshift elettrica in una super moto stunt bike su misura. Questo perché girare vicini al vetro non sarebbe stato possibile con un motore a combustione. La guida nei musei è stata dunque resa possibile graazie all'Alta con trasmissione elettrica "Redshift" a una velocità e senza frizione. Il 29enne, che è diventato il più giovane XDL National Stunt Riding Champion a soli 15 anni, ha dichiarato: "Ho costruito qualcosa di diverso da quello che ho mai costruito prima. Qualcosa che mi porti in posti in cui non ho mai guidato prima".

Il video dura ben 25 minuti, dove si vede Aaron preparare la moto, un lavoro durato diversi mesi. Alcuni pezzi sono letteralmente stati creati (bellissimo il collegamento della pinza posteriore Brembo realizzato ad hoc). Completata la moto, il freestyler si è recato al museo di New York, ma non prima di aver preso confidenza con la moto. Il resto, lo potete vedere nel video. Avrà rotto qualcosa?

Articoli che potrebbero interessarti