Tu sei qui

MotoGP, Pernat: "Aprilia, fai un pensiero su Dovizioso"

FAST BY PROSECCO DOC - "Bisognerà mettere mano al portafoglio, ma lo farei. La KTM è veloce, il problema adesso è Espargarò che sente troppa pressione"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Il Gran Premio d'Austria si è concluso con un raggiante Andrea Dovizioso a sorseggiare un meritato Prosecco DOC sul gradino più alto del podio. Non è potuto salire sul podio anche il nostro Carlo Pernat, malgrado il suo talento non sia da meno, ma il buon Carletto si è lo stesso concesso il lusso di un calice di bollicine per commentare con noi il fine settimana di gara. 

Gli episodi che hanno animato il weekend di gara sono stati tantissimi, dall'annuncio della separazione tra Dovizioso e la Ducati alla conferma della velocità delle KTM, passando per la crisi Yamaha, che soffre sempre di più a causa dei suoi motori che al momento sono intoccabili senza il permesso della MSMA, che potrebbe anche non arrivare. 

“Ragazzi è stata una domenica interessante, drammatica, bella. C’è stato un po’ di tutto, non ci siamo fatti mancare niente. La vittoria di Dovizioso e Ducati è stata favolosa, non dimentichiamo che Ducati ha messo due piloti sul podio. Molto bravo Dovi e il suo manager Battistella a prendere la palla al balzo e levarsi dalla testa tutti i problemi che inevitabilmente ci sono. Conosco i piloti e i piloti devono essere liberi. È una bella vittoria di squadra, anche perché Miller è arrivato sul podio e due Ducati sul podio non sono poche". 

Carlo ha voluto sottolineare dove sia realmente l'attuale limite della KTM. 

"KTM non mi ha deluso per la moto, dato che ormai è a posto, il problema è Pol Espargarò, che è nervoso. Probabilmente la vittoria di Binder, prima che ci riuscisse lui, lo ha fatto ragionare in un certo modo. Però è stato anche sfortunato, dato che nella prima manche se la giocava con Dovizioso, mentre nella seconda non aveva più le gomme, come quasi tutti i piloti".

Pernat è anche preoccupato che la MSMA possa non voler aiutare la Yamaha. 

"Continua poi la crisi Yamaha, determinata dai motori, sono cinque motori già messi in pista, a cui è stato chiesto di levare tutto quanto. Però la MSMA penso non gli dia la possibilità di farlo. È un rischio. Vedo un Quartararo che subisce tanta pressione e non me l’aspettavo, dato che è un giovane sempre sorridente. Al di là dei freni è lui che accusa pressione. È un po’ imbarazzante Vinales, io continuo ad usare questo termine, dato che ci aspettavamo molto di più da lui".

La suggestione riguardo il futuro riguarda un possibile binomio italiano. 

"Infine aspettiamo l’Aprilia. Fossi in Aprilia un pensierino a Dovizioso lo farei, però bisogna scucire i soldi". 

Articoli che potrebbero interessarti