SBK, Razgatlioglu: "Bene il podio ma domani voglio di più"

"Proverò un assetto diverso per risolvere i problemi in uscita di curva". Baz:"Questo 5° posto non farà decidere a Yamaha a portarmi nel team ufficiale, ma può aiutare"

Share


Finalmente, dopo prove libere e qualifiche è arrivato il momento del ritorno in gara anche per la Superbike che ci ha regalato una corsa emozionante vinta da Scott Redding, in sella alla Panigale V4 R del team Aruba con il campione del mondo Jonathan Rea che non ha potuto fare praticamente nulla per arginare la Rossa negli ultimi giri. Rea ha quindi chiuso in seconda posizione e dietro di lui, dopo una bella battaglia nelle ultime tornate con Chaz Davies, si è classificato Toprak Razgatlioglu con la sua Yamaha R1. 

Avrei voluto lottare per la vittoria ma non è stato possibile – ci ha detto Toprak appena arrivato in sala stampa - Tutti abbiamo avuto problemi di scivolamento oggi per via delle condizioni atmosferiche ma comunque questo terzo posto è un bel risultato e anche i punti portati a casa per la classifica mondiale vanno bene. Domani proverò qualche modifica all’assetto per migliorare”. 

Toprak, Redding oggi è sembrato avere una marcia in più credi che avesse più controllo della moto rispetto a voi in gara?

“Io ho seguito Rea da vicino e ho visto che anche a lui scivolava molto il posteriore, Scott ci ha passati entrambi e poi è andato a vincere, mentre io ho fatto una bella lotta con Davies per il podio”. 

Nella lotta con Davies si è visto come questa Yamaha freni molto bene ma perda ancora qualcosa in rettilineo. 

Si, siamo ancora un po’ indietro da quel punto di vista come anche in uscita di curva qualche volta. La Ducati va davvero veloce in rettilineo e io domani proverò un nuovo assetto per provare a migliorare in tutte le aree”. 

Sei il migliore pilota Yamaha al momento, senti la pressione della Casa sulle spalle?

“Oggi sono solo contento per il podio ma domani voglio fare ancora meglio”. 

Baz: "Voglio il podio con Ten Kate"

Scorrendo la classifica, sotto il nome di Razgatlioglu, la seconda miglior Yamaha in pista è stata quella di Loris Baz, sempre tra i più veloci questo weekend e che a suon di prestazioni sta cercando di candidarsi per il posto nel team ufficiale, lasciato vacante per il 2021 da Van der Mark. 

“Devo essere contento oggi – ha detto Baz in sala stampa – Sono arrivato quinto, avevo il ritmo e ho lottato con piloti dei team ufficiali. Ovviamente si gareggia sempre per vincere e oggi non sono nemmeno salito sul podio ma devo continuare a lavorare ed evitare di fare errori in gara. Oggi è meglio un 5° posto che uno zero”. 

Cosa ti è mancato per arrivare sul podio?

“Nei primi giri il mio ritmo è stato troppo diverso da quello che avevo mostrato ieri nella simulazione. Non ho usato il freno posteriore perché la gomma scivolava troppo e già al quarto giro ho messo la terza mappa per il freno motore che solitamente uso solo negli ultimi giri. Ho dovuto cambiare molto sulla moto nelle prime battute, poi è andato tutto meglio e sono riuscito a tornare tra i primi”. 

A parte Razgatlioglu che ha chiuso la gara sul podio sei stato il miglior pilota Yamaha in pista. Questo weekend a Jerez c’è anche il Presidente di Yamaha Europa. Ti senti un po’ l’osservato speciale per prendere il posto di van der Mark nel 2021?

“Si, non voglio dire che siamo amici ma ci sentiamo durante la stagione. So che il posto di Van der Mark è libero per il prossimo anno ma so anche che questa gara non condizionerà la decisione di Yamaha, anche se sicuramente aiuta. Ora voglio solo provare ad arrivare sul podio con il team Ten Kate per dimostrare la mia forza visto che non abbiamo lo stesso pacchetto del team ufficiale”. 

Audio raccolto da Riccardo Guglielmetti a Jerez

Share

Articoli che potrebbero interessarti