Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "Lorenzo dovrà cadere per capire la Honda, come ho fatto io"

"La moto 2020 avrà le stesse criticità di quella di quest'anno. Il record di punti? Meglio la Tripla Corona"

MotoGP: Marquez: "Lorenzo dovrà cadere per capire la Honda, come ho fatto io"

Marc Marquez continua nella sua incredibile corsa. Dopo la vittoria del mondiale piloti a Buriram, quello Costruttori con Honda a Motegi e il successo in Australia, il pilota spagnolo non ha intenzione di fermarsi. In questo 2019 ha vinto 11 gare tra cui le ultime 5, abbinando a questo solo secondi posti e una caduta. Al momento sembra che niente possa scalfire le certezze di Marquez. Ci hanno provato Dovizioso e Rins vincendo all'ultima curva in Austria e a Silverstone, ha fatto un tentativo Quartararo, mettendogli pressione nelle qualifiche, provando a rubargli la scena mediatica e standogli davanti in gara ma niente. Marc ha vinto e continuato a vincere, imparando dalle poche sconfitte in stagione e rendendo subito il favore. 

“Sono in un ottimo periodo -ha detto - le sensazioni sulla moto sono ottime e tutto quello che provo sulla funziona al primo colpo. L’obbiettivo è sempre lo stesso, chiudere tutte le gare sul podio e qui a Sepang non ci sarà nessuna differenza. Lavorerò fin dalle prime prove libere perchè vincere ancora e mettere pressione sui miei avversari è il modo migliore di finire la stagione”. 

Obiettivo vittoria anche a Sepang quindi?

"Quartararo e Vinales andranno molto forte fin da subito - ha detto Marquez - il giro secco sarà il loro forte ma in gara so di poter stare insieme a loro a lottare per la vittoria. Quest’anno la moto dovrebbe andare meglio su un circuito come questo perchè ho un motore che spinge di più. Lo scorso anno, però, le Ducati non sono andate sul podio anche se avevano il motore migliore, quindi non sarà facile. Il tracciato cambia molto dal mattino al pomeriggio e sappiamo che qui il meteo è sempre incerto, vedremo come andrà”. 

In ballo, oltre alla vittoria della gara c’è anche il record di punti in 18 gare di Jorge Lorenzo (383 nel 2010)

“La mia strategia rimane la stessa anche se posso diventare il pilota a fare più punti in 18 gare. Questo è un record che verrà ricordato solo quando qualcuno lo batterà e quindi non mi interessa troppo. Il mio obiettivo è arrivare sul podio e vincere”. 

Un campionato dominato che rischia di diventare un record. Quando hai capito di poterlo vincere?

“Al Mugello. Arrivavo con molti punti, è vero, ma c’era stata la caduta di Austin e non ero sicurissimo. Sono andato in Italia molto preparato e lì ho capito che potevo riuscire a vincere davvero il mio ottavo titolo mondiale.”

Altra carne al fuoco per quanto riguarda il campionato del team la cui vittoria porterebbe a Marc e ad Honda la Tripla Corona. 

“La Tripla Corona è molto più importante del record di punti - ha detto - Io provo a fare il mio lavoro nel miglior modo possibile. Vincere il titolo non sarà facile perchè Ducati è forte. 

Dietro a Marquez, quest’anno, Dovizioso, certo del secondo posto, ed una bagarre a quattro per l’ultimo gradino del podio con Rins, Vinales, Petrucci e Quartararo. Chi la spunterà?

“Penso Vinales - ha detto Marquez - cadendo a Phillip Island ha complicato un po’ la sua rincorsa alla terza posizione ma può farcela. Se dovesse piovere qui a Sepang Petrucci potrebbe essere tra i più forti. Anche Quartararo potrebbe avvicinarsi molto, sarà un bello spettacolo fino alla fine”. 

Sul 2020, invece, ci sono molte incognite e tanto fermento intorno alla nuova moto anche per via della situazione di Lorenzo. Ne sai qualcosa?

“Non mentirei mai a Lorenzo e il prototipo della Honda 2020 è molto simile alla moto attuale, ha le stesse criticità. Per riuscire ad andare forte bisogna fare come me, cadere prima 20 volte per capirla"

Quella di Phillip Island è stata una gara importante anche per il campionato Moto2 che, con la vittoria di Binder e l’ottavo posto di Alex Marquez, si è riaperto. Ora tuo fratello comanda con 28 punti di vantaggio su Luthi ma Binder e Navarro sono comunque vicini. Che consiglio puoi dare ad Alex?

“Ha molta pressione - ha detto Marc - ora deve solo seguire il suo istinto. Sta lavorando molto ed essere in lotta per un campionato è difficile e se sei davanti a tutti e devi amministrare un vantaggio è ancora più complicato perchè gli altri hanno solo da guadagnare e tu anche da perdere. Deve ricordarsi di essere l’Alex che ha vinto 4 gare di fila, stare tranquillo e anche se viene da una gara difficile può farcela. Questo è uno dei suoi circuiti preferiti, io devo lasciarlo lavorare con la sua squadra, poi se avrà bisogno di qualcosa sa dove trovarmi. Tutti i pretendenti sono forti: Luthi è vicino, Binder sta vincendo molto e Navarro è sempre pericoloso”. 

Audio raccolto da Paolo Scalera

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti