Tu sei qui

Moto3, Rodrigo: "Questo team ha tutto per puntare al titolo"

"Hanno l'esperienza ed i mezzi giusti. Ho lavorato tanto mentalmente durante l'inverno, sono tra i più forti ma non mancheranno le sorprese"

Moto3: Rodrigo: "Questo team ha tutto per puntare al titolo"

Quando la grande occasione chiama, occorre farsi trovare presenti. Gabriel Rodrigo d’altronde ha già maturato quattro stagioni da titolare in Moto3, e giungere al quinto anno nel team campione in carica non può che essere un’occasione più che ghiotta per tentare l’assalto al titolo. In una squadra dove oltretutto è senza dubbio il capitano, visto il compagno Rossi al debutto.

“C’è l’intenzione di puntare al titoloammette Gabriel – ma fino al Qatar non si può sapere se vi sarà qualche pilota rivelazione. Penso di essere uno dei più forti ma ci sono Dalla Porta, Arbolino, Arenas ed altri veloci: sarà un anno duro ma credo divertente”.

Essere nel team campione immagino ti renda orgoglioso

“E’ un bellissimo momento per loro ed anche per me, essendo stato scelto. Hanno l’esperienza ed i mezzi per vincere, io ho lavorato tanto per essere pronto e credo che sin dal primo test abbiamo imboccato la strada giusta, possiamo fare molto bene”.

Sei passato da KTM ad Honda. Quali sono le differenze che hai avvertito?

“Credo che la KTM sia una moto con cui si può vincere, ma è più difficile non commettere errori. La Honda è più facile da guidare, è più facile trovare il limite e di conseguenza spingere senza eccedere. La squadra conosce bene questa moto inoltre e questo ci aiuterà molto”.

In cosa pensi di dover migliorare come pilota invece?

“L’anno scorso ho commesso meno errori rispetto al precedente, ma devo ancora migliorare sotto questo aspetto. Ho lavorato molto mentalmente per migliorare e vedremo come va: ogni anno è a sé quindi posso migliorare, e lavorando gara per gara si possono ottenere grandi risultati”.

Che rapporto hai con il tuo nuovo compagno Riccardo Rossi?

“E’ un bravo ragazzo molto divertente. È bello passare del tempo con lui e credo di poterlo aiutare. C’è un bel clima nel team e questo può solo aiutare per ottenere grandi risultati. Inoltre ci aiuta entrambi Manuel (Poggiali ndr) che analizza con noi i dati e sicuramente sarà un’arma in più”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti