Tu sei qui

MotoGP, Morbidelli: “L’energia è completamente diversa quando ti vedi davanti”

“Sono ancora in una fase iniziale della mia esperienza con la Ducati, ma l’energia è totalmente diversa rispetto a prima perché so cosa posso fare. Dopo il test torno a casa con una bella iniezione di fiducia”

MotoGP: Morbidelli: “L’energia è completamente diversa quando ti vedi davanti”

Costretto a saltare i test invernali per i postumi dell’incidente sofferto durante un allenamento a Portimao, Franco Morbidelli ha affrontato quest’oggi a Jerez la sua prima giornata di test dell’anno, in sella alla Ducati del team Pramac Racing. Un lunedì più che positivo per l’italo-brasiliano, non tanto per il 3° tempo messo a referto, quanto più per i progressi compiuti nel suo percorso di adattamento alla Desmosedici.

È stato un test positivo e torniamo a casa con una bella iniezione di fiducia e con delle belle sensazioni. Sono andato forte tutto il giorno e ho fatto un buon lavoro con la squadra, lavorando per una giornata intera. Quella di oggi è stata una giornata che ci è servita tantissimo: ho avuto un buon feeling, che ci ha permesso di svolgere il lavoro che ancora ci mancava” ha raccontato Morbidelli al termine dei test, spiegando il lavoro svolto con il team: Abbiamo cercato di trovare un set-up di base che mi piacesse e da lì ho cercato di adattarmi ancora di più alla moto, di comunicare ancora meglio con la squadra, e di andare forte e siamo riusciti a fare tutto quanto. La messa a punto non è molto diversa da quella solita, ma è bello avere un tuo setting e guidare una moto che sia tua e avevo anche bisogno di fare 80 giri con questa moto, per entrare in sintonia con il pacchetto una volta per tutte”. 

Recuperare il tempo perso nel precampionato non è semplice, ma Morbidelli e il team Pramac stanno facendo il massimo per sfruttare al meglio i test a loro disposizione.

“Sono in una fase iniziale della mia avventura con la Ducati. Quindi, ho sicuramente bisogno di più esperienza, ma un test come questo aiuta sicuramente - ha sottolineato Franco - Per me i test saranno molto importanti quest’anno, visto che ho perso cinque giornate di collaudi a inizio anno. Se vorremo raggiungere ottimi risultati, cosa possibile dato che abbiamo il potenziale per farlo, dobbiamo lavorare in maniera diversa, essere più aperti e più disposti a buttarci nel buio. Comunque, sono molto contento per come abbiamo lavorato in queste prime quattro gare. Le abbiamo affrontate nel modo giusto, anche se non avevamo l’esperienza”.

Pur non avendo ancora ottenuto risultati di rilievo con la sua nuova moto, per Frankie è molto più semplice gettare il cuore oltre l’ostacolo rispetto a quanto non lo fosse nell’ultimo periodo trascorso in Yamaha.

Quando in gara ti vedi davanti l’energia è sicuramente diversa - ha ammesso il ducatista - Non importa quanto cerchi di essere professionale, è qualcosa di naturale che senti dentro. Posso dirlo perché, anche se non ho ancora combinato niente con questa moto, sento che l’energia è totalmente diversa rispetto a prima, perché so cosa possiamo fare e mi vedo molto vicino ai top”.

Forse non sarà ancora in grado di lanciarsi in doppi sorpassi come quello compiuto da Francesco Bagnaia nel GP di Spagna, ma Morbidelli è consapevole del suo potenziale e punta a sfruttare questa sferzata di energia positiva per continuare la sua crescita.

“Pecco ci sta abituando a questi conigli dal cilindro, io ho ancora troppo poca esperienza sulla moto” ha osservato il 29enne, prima di fissare l’asticella per il prossimo appuntamento in calendario: Questa buona energia ce la portiamo dietro nei giorni che ci separano da Le Mans, cercando di portarla anche nel weekend di gara. Bisognerà restare con i piedi per terra e ambire alla Q2 diretta venerdì, che non è mai facile. Poi vederemo che velocità avrò e dove potrò arrivare. Già a Portimao ho cominciato a essere veloce, ma lo sono stato soprattutto in America e qua a Jerez. Ad Austin ho commesso un errore in gara e anche qui ne ho commessi tanti e non sono riuscito a essere costante, perché non conoscevo ancora la moto. Già se riuscissi a non commettere questi errori grossolani il prossimo weekend sarei molto contento e lo sarei ancora di più se riuscissi anche a ad avere la velocità che stiamo dimostrando”.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy