Tu sei qui

Camier: "Nakagami non è nei piani Honda per la SBK"

Il manager del Team HRC: "Potrebbe sembrare che Vierge sia più lento di Lecuona, ma non è così. Ha avuto due infortuni ed anche con due costole rotte è stato velocissimo. Taka al momento non è un'opzione"

SBK: Camier: "Nakagami non è nei piani Honda per la SBK"

Share


Il futuro di Taka Nakagami in MotoGP è segnato, il giapponese sta disputando la sua ultima stagione da pilota LCR e per il 2023 dovrà cercare delle valide alternative. C'è chi lo indica come possibile tester al fianco di Stefan Bradl e chi invece avrebbe scommesso su un imgresso nel mondiale SBK sempre in sella ad una Honda. Ma per chi attualmente ricopre il ruolo di team manager della squadra HRC impegnata nel mondiale per derivate, ovvero Leon Camier, questa possibilità è del tutto remota. 

Secondo quanto dichiarato da Camier ai colleghi di Motorsport.com, la lineup della squadra sarà per il 2023 la stessa di questa stagione, con Lecuona che fresco del successo a Suzuka gode di grande stima in Honda ed il suo compagno Xavi Vierge che nonostante una stagione condizionata dagli infortunio, si sarebbe già meritato la conferma. 

"No, al momento non pensiamo a Nakagami per il 2023. Non è nei nostri piani. So che quest'anno chi guarda dall'esterno potrebbe pensare che Vierge sia stato sovrastato da Lecuona, ma la realtà è diversa. Xavi ha subito due infortuni, in uno si è fratturato ben sei ossa del polso a Misano. Nella superpole race a Misano stava andando fortissimo prima di farsi male. Prima di questo infortunio, si era anche rotto due costole ad Aragon ed ha comuque corso in modo eccezionale lì. La settimana successiva, ad Assen, lui soffriva moltissimo nel cambi di direzione. Ma noi abbiamo visto dai dati che non poteva guidare come avrebbe voluto per le sue costole rotte. Quando tutto va liscio ed ha un weekend di gara normale, è un pilota molto veloce". 

Queste parole suonano come una pietra tombale sulla possibilità di vedere Nakagami in SBK nella prossima stagione, almeno in sella alla CBR 1000 RR-R. Difficilmente HRC cambierà idea ed è molto probabile che la conferma di Lecuona e Vierge anche per le prossime stagioni arrivi presto, anche per dare un senso di continuità ad un progetto che al momento non sta ancora performando al livello atteso. Suzuka ha mostrato quanto possa essere elevato il potenziale della CBR con gomme Bridgestone. I tecnici di HRC dovranno riuscire a far esprimere alla moto lo stesso potenziale anche con le Pirelli da SBK. 

Articoli che potrebbero interessarti