Tu sei qui

Moto2, Gardner: "ho passato momenti duri, il segreto del 2021, l'affidabilità"

"Ho cambiato il chip nel cervello nel 2020. Dal 2015 al 2019 sono stati anni davvero, davvero duri per me e come ho detto, ci sono stati punti nella mia carriera in ho creduto onestamente di essere arrivato alla fine della strada"

Moto2: Gardner: "ho passato momenti duri, il segreto del 2021, l'affidabilità"

Share


Arrivato a Valencia con un vantaggio di 23 punti sul compagno di squadra, Raul Fernandez, Remy Gardner aveva bisogno solo di prendere una manciata di punti nel Gran Premio de la Comunitat Valenciana per vincere il mondiale della Moto2. Ci è riuscito grazie ad un decimo posto finale. Dopo un'incredibile stagione che gli ha fruttato 12 podi, di cui cinque vittorie, il numero 87 ha mantenuto i nervi saldi fino all'ultimo per diventare campione del mondo.

Figlio dell'iridato della 500cc del 1987 Wayne Gardner, Remy Gardner ha iniziato presto ad andare in moto, all'età di quattro anni. Ha iniziato la sua carriera correndo dirt track e long track, come hanno fatto prima di lui alcuni grandi piloti australiani, gareggiando a livello regionale e nazionale nella sua nativa Australia.

Remy ha iniziato la stagione con tre podi di fila in Qatar, Doha e Portimão, prima di un quarto posto dalla pole a Jerez. Le Mans è stato un altro podio, questa volta al secondo posto, prima di vincere tre Gran Premi di fila in un incredibile periodo di forma: Mugello, Catalunya e Germania, l'ultima delle quali è stata la 200a gara della Moto2. Un altro podio ad Assen lo ha visto andare verso la pausa estiva con un vantaggio nella lotta per il titolo di 31 punti.

Poi ci sono stati errori da una parte e dall'altra del team KTM Ajo, ma ormai è fatta.

"È stata sicuramente una stagione intensa - ha detto Remy - Raul ha fatto un lavoro incredibile quest'anno, come rookie mi ha fatto davvero lavorare tantissimo. È stata una stagione incredibile, con tanti podi, grandi gare, cinque vittorie e momenti incredibili con la squadra. Ci sono state volte in cui sono arrivato secondo e ho pensato che era una brutta giornata, ma bisogna godersi ogni momento. È stata una stagione incredibile, e sicuramente intensa, soprattutto l'ultimo trimestre è stato davvero intenso, Raul è stato veloce, ho fatto alcuni errori e anche lui, ma la costanza di rendimento è stata la chiave alla fine. In definitiva, questo è ciò che ci ha portato al traguardo”.

Quindi il figlio del grande Wayne ha parlato dell’ultimo Gran Premio dell’anno.

“Nella prima partenza ho fatto un primo giro abbastanza buono, dopo quell'incidente alla curva 2 sono riuscito a passare all'interno e sono finito con i ragazzi davanti e ho pensato che sarebbe stata una buona opportunità per andare con loro e rompere il gruppo e fare una buona gara, poi con la bandiera rossa tutto si è fermato. La seconda non è stata egualmente buona nel primo giro e per i primi giri ho solo tenuto duro, ma ero un po' preoccupato perché ho visto che c'era un po' di confusione. Mi sono reso conto che Raul stava scappando e ho pensato 'Non ho intenzione di mettermi in mezzo lì, preferisco rimanere indietro'. Poi sono finito sotto il fuoco del secondo gruppo dietro e ho dovuto tirare fuori un po’ di grinta per togliermi dagli impicci”.

A quel punto alle sue spalle c’era Tetsuta Nagashima.

"Ho dovuto spingere un po' di più per allontanarmi da Tetsu, era bello carico ed è stato il mio compagno di squadra in passato, so come corre! Così ho solo cercato di rompere un po' il gruppo e finire la gara in una posizione rispettabile e sicura. Sono riuscito a farlo, a mantenere i nervi saldi e sicuramente c'era molta pressione, ma sono riuscito a portarla a casa”.

Remy non è un rookie: è approdato nel motomondiale in pianta stabile nel 2015. E non era sicuro di valere il titolo.

"Ci sono stati così tanti anni difficili, ho davvero cambiato il mio chip  nel cervello l'anno scorso e tutto ha iniziato ad andare un po' meglio. Non ho avuto il maggior numero di podi al mondo, ma sono riuscito a tenere la mia mente sotto controllo, tutto stava andando a posto ed ho cercato di essere positivo su tutto. Dal 2015 al 2019 sono stati anni davvero, davvero duri per me e come ho detto, ci sono stati punti nella mia carriera in ho creduto onestamente di essere arrivato alla fine della strada. Soprattutto dopo l'infortunio, quando mi sono rotto entrambe le gambe in allenamento. Ritornare dopo ciò è stato incredibilmente difficile. Se all’epoca qualcuno mi avesse predetto che avrei vinto il mondiale, lo avrei preso per pazzo”.

Articoli che potrebbero interessarti