Tu sei qui

MotoGP, Puig: "Solo Marquez sa quello che sta facendo, vincere a Misano vale di più"

Honda ha firmato una doppietta che mancava dal 2017. "Espargarò si meritava il podio. Complimenti a Quartararo, quest'anno è stato il migliore"

MotoGP: Puig: "Solo Marquez sa quello che sta facendo, vincere a Misano vale di più"

Share


L’ultima doppietta della Honda in MotoGP risaliva al 2017, quando nel GP di Aragon Marquez vinse davanti a Pedrosa. Il digiuno si è interrotto domenica scorsa a Misano, con Marc sul gradino più alto del podio e Pol Espargarò al suo fianco. Un risultato tutt’altro che scontato, perché Marquez ha vinto su un circuito che gira in senso orario (a differenza di Sachsenring e Austin) e mette più in difficoltà la sua spalla destra, mentre per Pol è il 2° posto è stato il suo miglior risultato di sempre in MotoGP.

"Ci eravamo avvicinati a questo fine settimana con la volontà di confrontare questa gara con la prima a Misano per vedere i nostri progressi, andare via con questo risultato è fantastico - il commento del team manager Alberto Puig - Una doppietta non è mai facile, anche quando sei nelle migliori condizioni, questo non è il nostro momento migliore ma siamo comunque riusciti ad ottenere questo fantastico risultato. Penso che sia dovuto a una combinazione di fattori; un grande sforzo da parte dei nostri piloti, il lavoro continuo della Honda, il grande sostegno di Repsol e di tutti i nostri altri sponsor e, naturalmente, il duro lavoro dei membri del team. Abbiamo chiaramente dimostrato che non ci arrenderemo mai o cederemo. Questo risultato dà una grande sensazione, una grande ricompensa, per tutti coloro che sono coinvolti in questo progetto".

Marquez non è ancora nelle migliori condizioni fisiche ma ha dimostrato ancora una volta di essere vincente.

"Per Marc, questo è un periodo ancora più difficile che per tutti gli altri. Si sta ancora riprendendo, ha ancora dei problemi, non è ancora tornato al massimo, lo sa lui e lo sappiamo noi - ha sottolineato il manager spagnolo - Ecco perché questa vittoria a Misano, soprattutto su questa pista, ha ancora più valore per lui. Cosa stia facendo questo ragazzo, nessuno lo sa a parte lui".

Alberto si è complimentato anche con Espargarò, che sembra avere finalmente trovato la strada da seguire.

"Pol ha affrontato una stagione molto difficile dove c'erano grandi aspettative. Sappiamo che non è stato facile, ma la cosa positiva è che non si arrende mai - ha spiegato - Cerca sempre di trovare una soluzione, così come la sua squadra, il suo gruppo condivide il suo atteggiamento di non arrendersi mai. Così alla fine,  è stato come un regalo, se lo merita, ma è stato anche un regalo per la squadra e per la Honda perché tutti noi lo stiamo aiutando come possiamo. Siamo molto felici per lui e il fatto che abbia ottenuto il suo migliore risultato di sempre sulla Honda, con il suo primo podio con questi colori ha dimostrato il potenziale. Ora speriamo che la sua fiducia continui a crescere e che possa continuare a portare la moto al limite".

Rimangono ancora due gare per finire in bellezza una stagione che era iniziata molto male.

"Questa è una squadra vincente e il nostro approccio è sempre quello di provare a vincere, il nostro obiettivo è quello di lottare per il titolo ogni anno - ha affermato Puig - L'unica differenza è che a volte la situazione non è perfetta. Gli ultimi due anni non sono stati facili per noi, ma non troverete una sola persona all'interno di questa squadra che vuole andare alla prossima gara per cercare di arrivare secondo. Andremo alla prossima gara cercando di vincere di nuovo perché questa è la Honda".

Le ultime parole di Puig sono stare per Fabio Quartararo.

"Vogliamo congratularci con Fabio e la Yamaha per il loro titolo a Misano, a due gare dalla fine del campionato. Se lo sono meritato. Fabio è stato il miglior pilota in questa stagione, ha vinto cinque gare, ha ottenuto molti podi e se lo è meritato davvero".

Articoli che potrebbero interessarti