Tu sei qui

Yamaha E01, lo scooter elettrico vicino alla produzione?

Sarebbe in fase di avviamento la produzione dello Yamaha E01, il concept di scooter elettrico presentato al Motor Show di Tokyo 2019.

Moto - News: Yamaha E01, lo scooter elettrico vicino alla produzione?

Share


Dopo la passerella in anteprima mondiale alla kermesse di casa di due anni fa, Yamaha ha richiesto i diritti di utilizzo del nome E01, dimostrazione che sarebbe vicina alla produzione dello scooter elettrico.

Un passo in avanti

Quando il concept dello scooter elettrico Yamaha E01 è stato presentato al Motor Show di Tokyo nel 2019, non ha colto l'attenzione di addetti ai lavori e del pubblico per il suo design, comunque davvero interessante, o la tecnologia radicale, ma perché appariva già pronto per essere esposto nelle concessionarie ufficiali Yamaha.

Adesso la casa dei Tre Diapason ha fatto un passo avanti: infatti ha richiesto i diritti sul nome E01 e il deposito è stato fatto presso l'EUIPO (il registro europeo della proprietà intelettuale) il 5 febbraio 2021 e pubblicato il 15 febbraio 2021, con tre mesi di tempo per chiunque volesse opporsi alla registrazione.

Se nessuno si opporrà, a Yamaha sarà concesso i diritti di marchio di utilizzare il nome, per motocicli elettrici e loro parti e accessori, a partire dal 17 maggio 2021.

 

Registrato anche il design

Yamaha ha anche registrato i disegni dello scooter elettrico per ottenere i diritti di proprietà intellettuale sul suo aspetto.

I disegni sembrano mostrare ancora la versione concept piuttosto che quella del modello di produzione, ma l'aspetto generale è tutt'altro che stravagante, anche se decisamente futuristico per lo standard attuale.

Solo gli specchietti troppo piccoli e la strana sporgenza a forma di pinna che funga da parafango posteriore/portatarga segnano il veicolo come un prototipo piuttosto che come un veicolo di produzione.

I gruppi ottici sono di derivazione motociclistica, ispirati a quelli a LED della superbike R1 o delle crossover Tracer 7 e Tracer 9.

Nello parte centrale dello scudo si nota uno sportello sotto al quale, con ogni probabilità, c'è la presa per la ricarica della batteria.

Nonostante i disegni, può essere facile pensare che l'area attorno allo sportello si illumini per mostrare lo stato di carica dello scooter mentre è collegato.

In termini di prestazioni, al momento della presentazione del concept E01 nel 2019, Yamaha dichiarava che si trattava di uno scooter rivolto al pendolarismo urbano con una potenza paragonabile a quella di uno scooter 125 cc.

È compatibile con la ricarica rapida e fornisce un'ampia autonomia, comfort e altro ancora quando si va da una zona all'altra della città.

Combinando le tecnologie Yamaha per scooter ed EV, offre praticità per l'uso quotidiano e una qualità di guida superiore a quella degli scooter tradizionali.

Altro modello, altra piattaforma

Yamaha non ha registrato solo l'E01 ma anche un altro nome: l'EC-05, sempre con gli stessi termini precedenti e riferito a uno scooter elettrico già in produzione e in vendita a Taiwan.

Si basa sullo smartscooter della Gogoro, caratterizzato da una infrastruttura che consente lo scambio della batteria: in poche parole, i proprietari possono semplicemente lasciare le batterie scariche in uno dei quasi duemila punti di ricarica GoStation predisposte a Taiwan e sostituirle con altre nuove, rendendo piuttosto la ricarica del lavoro in pochi secondi che ore.

L'intenzione di Yamaha è quella di utilizzare la stessa modalità anche in Europa? La registrazione del marchio europeo suggerisce che la casa giapponese stia progettando una simile attività.

Articoli che potrebbero interessarti