MotoGP, Quartararo: "Conto le ore per provare la Yamaha 2020"

Fabio 1° con la M1 2019: "Oggi volevo solo tornare in sella, e non pensavo di essere così veloce. Sono curioso di scoprire il telaio della nuova moto, la velocità sembra esserci"

Share


Fabio Quartararo era tra i piloti più attesi dei test, ed il transalpino ha risposto chiudendo la prima giornata davanti a tutti. A stupire non è stato però questo, quanto il fatto che Fabio abbia deciso di utilizzare per un’ultima volta la moto dell’anno scorso, rinviando a domani il battesimo della versione 2020.

“Oggi l’obiettivo era solo quello di tornare in sella – spiega Fabio - e ritrovare subito le misure e la confidenza, e l’aver fatto il miglior tempo dopo tre mesi di sosta ha sicuramente confermato la mia competitività, non pensavo di essere già così rapido. Sono contento anche del mio passo, ora non resta che provare la M1 2020, aspetto questo momento da novembre e non vedo l’ora”.

Nella mente di Quartararo c’è ovviamente curiosità riguardo alla nuova moto, ma la parola d’ordine resta la calma.

“So che la nuova moto sarà completante diversa quindi dovrò sfruttare al massimo i due giorni a disposizione. Domani dovrò stare calmo, anche se non sarò veloce, dato che in primis dovrò capire la moto in tutti i suoi aspetti, capire i punti forti e quelli deboli”.

Per non rovinarsi il primo approccio il francese ha evitato di parlare con Rossi e Vinales, che già hanno saggiato la nuova moto, ma si è limitato ad osservare da fuori.

“Non ho ancora parlato con Maverick e Valentino, domani cercherò di farmi la mia idea. La velocità fatta segnare da Valentino con il nuovo motore sembra buona, sono curioso di valutare il telaio, che spero sia ottimo come quello 2019, e l’agilità della moto”.

A confermare il fatto che Fabio abbia preso questa prima giornata come una sorta di shakedown c’è il capitolo gomme, che Quartararo per il momento ha evitato.

“Non ho provato la nuova gomma anteriore. Ho provato la posteriore in un precedente test e sembra che la consistenza sia migliore, non ti da subito una extra aderenza ma migliora sulla durata: oggi era difficile capire le gomme, specie dopo la pioggia che ha ridotto l’aderenza”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti