Tu sei qui

La Malesia regala la Moto2 a Syahrin con Aspar

Il pilota che andrà a correre con la squadra di Martinez riceverà un supporto economico dal ministero dello sport malese, con la speranza di rivederlo in MotoGP

Moto2: La Malesia regala la Moto2 a Syahrin con Aspar

Share


Hafizh Syahrin sarà costretto nel 2020 a rinunciare al sogno di restare in MotoGP e dovrà rilanciare le proprie quotazioni in Moto2, correndo sotto i colori del Team Angel Nieto. La compagine gli garantirà un supporto tecnico di alto livello, che gli potrebbe consentire di ben figurare in una categoria che non è affatto semplice, anche per un ex della top class.

Il malese dovrà lottare duramente per dimostrare che le buone prestazioni mostrate al debutto in MotoGP nel 2018 non fossero solo frutto della particolare competitività e soprattutto della facilità di guida della Yamaha M1 che aveva a disposizione. Il 2019 è stato una sorta di brutto risveglio per Syahrin, che dopo aver raccolto 54 punti al debutto si è scontrato con la dura realtà di una KTM che non è mai riuscito ad interpretare al meglio, restando regolarmente nella scomoda posizione di fanalino di coda del gruppo.

Tuttavia, il pilota resta un idolo nel suo paese, è stato il primo malese ad entrare in MotoGP ed ovviamente il suo futuro nel Motorsport sta particolarmente a cuore anche all'organizzatore della tappa di Sepang del mondiale. Il ministro Syed Saddiq Syed Abdul Rahman malese ha spiegato che Syahrin incasserà, letteralmente, il supporto del governo.

"Lo aiuteremo in ogni modo che ci sarà possibile, come abbiamo fatto fino a questo momento trovando sponsorizzazioni attraverso le nostre aziende nazionali. Ho affrontato la questione sul come continuare a supportare la sua carriera con il management del ministero e stiamo ancora aspettando una soluzione definitiva su come aiutarlo. In ogni caso troveremo un modo per continuare ad essere al suo fianco".

Syahrin ha un accordo con il Team Angel Nieto che schiererà in pista una Kalex per il malese ed il suo posto non è assolutamente a rischio, ma nella nota rilasciata al sito web Free Malasya Today, è specificato che il supporto promesso servirà per sostenere le spese logistiche ed anche uno stipendio per il pilota.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti