Tu sei qui

Moto2, FP1: A Silverstone comanda Di Giannantonio

L'italiano batte il record della pista e beffa il compagno di team Navarro, secondo davanti a Luthi e Marquez

Moto2: FP1: A Silverstone comanda Di Giannantonio

E dopo quello sgretolato da Arbolino in Moto3 e quello solo sfiorato da Fabio Quartararo in MotoGP, è Fabio Di Giannantonio a battere con forza il record della pista di Silverstone per la classe intermedia. In una sessione velocissima (i primi 17 tutti sotto il precedente record di Franco Morbidelli) ma priva di sostanziali emozioni, il debuttante italiano porta la sua SpeedUP in prima posizione con il tempo record di 2.05.777, 83 millesimi più veloce dell'altra moto dell'azienda di Luca Boscoscuro, quella di Jorge Navarro. 

Terza posizione per l'inseguitore numero uno per quanto riguarda la classifica mondiale: Thomas Luthi che ora è appunto secondo nella graduatoria iridata a ben 43 punti da Alex Marquez, in completa gestione e quarto al termine di questa sessione. 

Il primo contatto con il nuovo asfalto di Silverstone sembra aver soddisfatto i piloti della classe intermedia che, come detto prima, hanno girato tutti su buoni tempi sfruttando l'alto grip del nuovo asfalto della pista britannica. 

Quinta posizione per Gardner davanti alla tripletta italiana Baldassarri, Marini e Pasini (il primo ad abbattere il record di Morbidelli durante queste FP1). A chiudere la top 10 troviamo Augusto Fernandez e la KTM di Brad Binder, la migliore delle moto della Casa austriaca che, lo ricordiamo, dal prossimo anno abbandonerà la Moto2 per dedicarsi alla Moto3 e alla top class. L'annuncio della dipartita di un così importante telaista dalla classe intermedia ha inevitabilmente scatenato il mercato con i piloti KTM e Tech3 costretti a trovare una nuova sistemazione, sono quindi settimane di fermento e i risultati in pista potrebbero risentirne sia positivamente che negativamente. 

Undicesima posizione per Bendsneyder, con telaio NTS davanti alla Kalex del team SAG di Tetsuta Nagashima che dovrà provare a rifarsi dopo l'ottima pole position del Red Bull Ring a cui è però seguita la caduta in gara nel contatto con Vierge. 

Tredicesimo tempo per Sam Lowes davanti alle due MV Agusta di Aegerter e Manzi che hanno preceduto la seconda KTM della classifica, quella di Lecuona, e le moto di Vierge e Schrotter

Tris tricolore dalla 21° alla 23° posizione con Locatelli, Bezzecchi e Bulega davanti a Jorge Martin ed Enea Bastianini. Enea è uno degli osservati speciali di questo weekend visto che sta correndo con due microfratture al piede destro rimediate in Austria nella caduta causata dal contatto con Luca Marini. "Pensavo peggio" - queste le prime parole di Enea al Dr.Charte appena sceso dalla moto. 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti