Tu sei qui

MotoGP, Iannone: sono sorpreso dalla mia velocità

Andrea è tornato in pista: "La nuova specifica di motore mi aiuta, e conferma che la strada è giusta. Abbiamo avuto un passo accessibile a pochi"

MotoGP: Iannone: sono sorpreso dalla mia velocità

Il suo 2018 è partito con un giorno di ritardo a causa di problemi allo stomaco, ma oggi Andrea Iannone ha potuto aprire il nuovo capitolo della sua avventura in Suzuki, con l’obiettivo di compiere importanti passi avanti.

“Ieri non sono riuscito a dormire per i forti dolori, così non sono potuto scendere in pista. Non sono ancora al 100% - spiega il 29 – e soprattutto sono debole, ho poca forza. In generale però soddisfatto, abbiamo messo in pista un passo interessante che mi ha sorpreso. Abbiamo sempre girato sul 31”5 o più basso, cosa che non è riuscita a molti oggi. Tutto ciò è un buon punto di partenza per i prossimi test”.

Una novità provata oggi dall’abruzzese riguarda il motore.

“Diciamo che anche questa nuova specifica è un altro dei pezzetti che ancora non abbiamo messo insieme, anche a cause delle mancate prove di ieri. Si tratta comunque di un piccolo passo avanti; oggi era importante fare varie uscite e capire le sensazioni. Abbiamo smesso presto soffriamo particolarmente la pista fredda, cosa che porta il davanti a scivolare tanto, ed anche per una questione fisica”.

Un altro punto su cui si sta concentrando il lavoro della casa di Hamamatsu è la frenata.

“Come ci aspettavamo siamo migliorati - conferma il 29 -possiamo confermare di aver trovato un qualcosa che ci fa rendere meglio, soprattutto è importante la miglior costanza e di conseguenza il passo.  L’ultimo mese di campionato lo abbiamo passato in maniera positiva, sia per il lavoro di Suzuki che per il clima creatosi nel box”.

La lista delle novità da provare ovviamente non si ferma e Iannone è pronto a rimboccarsi le maniche, ad iniziare dai test della prossima settimana in quel di Jerez

“Abbiamo un telaio ed un motore diversi, che dobbiamo ancora mettere insieme. Nei prossimi test la cosa da fare sarà questo inizialmente, poi a Sepang proveremo probabilmente anche la moto per il prossimo anno in versione definitiva. Sono molto positivo per il futuro”.

A proposito di lavoro, l’ultima battuta riguarda il compagno Alex Rins, sui cui il maniaco scherza.

“Al momento è fortunato, perché io faccio la moto buona e lui la prende (ride). Oggi ad esempio ho fatto diverse comparazioni e ho cercato di commentarle al meglio, ed a lui arriva il pacchetto completo quando da dei frutti. Ma va bene così, è giusto; Alex è un pilota molto talentuoso ed è meglio che sia così perché è più stimolante”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti