Moto2, FP1: Aegerter sorprende tutti a Silverstone

Miglior tempo per Dominique, che riesce a far derapare veloce la sua Suter sino alla vetta, beffando Marquez ed Oliveira. 4° Baldassarri, 5° Morbidelli

Share


Con un improvviso colpo finale, lo svizzero Dominique Aegerter riesce a siglare il giro più veloce nelle prove libere classe Moto2 a Silverstone, portando la Suter bi-colorata e motorizzata Honda CBR600 del team Kiefer Racing in prima posizione, grazie al tempo di 2’08”191, facendo scivolare le gomme Dunlop in ingresso ed in uscita di curva, dove nella veloce Woodcote il numero 77 era sempre di traverso.

Seconda posizione nella lista per Alex Marquez, veloce ma non abbastanza da siglare il miglior tempo; il terzo nome è quello del portoghese Miguel Oliveira con la KTM, a 194 millesimi da Aegerter. Quindi, motore unico per tutti a parte, tre moto diverse nelle prime tre posizioni.

Finalmente in palla Lorenzo Baldassarri, stamani quarto con la Kalex Forward ed un gap per lui di 258 millesimi dalla Suter in cima ai cronologici; quinto tempo per Franco Morbidelli, attento più che altro, a trovare il giusto set up della Kalex Marc VDS.

Sesta posizione per Takaaki Nakagami, il futuro compagno di squadra di Crutchlow in MotoGP nel team LCR; il giapponese del team Asia Idemitsu ha circa tre decimi e mezzo di ritardo dallo svizzero in vetta. Settimo posto finale per Simone Corsi con la Speed Up, ottavo per Thomas Luthi, un altro che nel 2018 correrà in MotoGP.

Nono, con una guida grintosa, Mattia Pasini del team Italtrans; seguono nell’ordine Isaac Vinales (fratello di Maverick), Xavi Vierge, il malese Syahrin, ed il rookie Jorge Navarro. Quattordicesimo tempo per il campione Moto3 2016 Brad Binder con la seconda KTM.

Diciottesimo tempo per Francesco Bagnaia del team SKY VR46, ventesimo per Luca Marini con la Kalex Forward: i due italiani sono staccati dalla vetta di un secondo e mezzo abbondante; Andrea Locatelli ha concluso con il ventiquattresimo tempo.

Ritorna in Moto2 Alex De Angelis, dopo il divorzio con il team Pedercini Superbike, in sostituzione del belga Xavier Simeon: venticinquesimo crono per il pilota di San Marino, che deve riprendere le misure alla difficile Middle Class. Dopo l’americano Joe Roberts, ecco il britannico Jake Dixon, a Silverstone in sostituzione del tedesco Marcel Schrotter; trentunesima posizione per Stefano Manzi, chiude la lista il malese Pawi, che è pure caduto.

Share

Articoli che potrebbero interessarti