Tu sei qui

Moto2, Morbidelli padrone del Sachsenring

Sesta vittoria per l'italiano del team Marc VDS, che approfitta delle cadute di Marquez e Luthi. Secondo posto per Oliveira, Bagnaia sul podio. 4° Corsi, 5° Pasini 

Moto2: Morbidelli padrone del Sachsenring

Share


Quando Alex Marquez e Thomas Luthi si sono stesi nella dura ghiaia tedesca, Franco Morbidelli si trovava solitario al comando, consapevole che i ritiri dei suoi diretti rivali in campionato gli stavano spianando la strada verso il titolo della Middle Class, sempre più vicino per il pilota del team Marc VDS.

Nonostante il giro record dell’arrembante Oliveira sulla sempre più veloce e costante KTM, Franco ha “atteso” l’arrivo del portoghese, ne ha anche subito un sorpasso, per poi ribadire all’ultimo giro e difendere la posizione sino allo sventolare della bandiera a scacchi.

Sì, con questa sesta vittoria stagionale, Morbidelli è davvero pronto per la MotoGP e la strategia esibita oggi in gara è apparsa simile a usata spesso dal “maestro” Valentino Rossi: “Oliveira mi ha raggiunto molto rapidamente -ha raccontato Franco- così ho deciso di vedere cosa fare negli ultimi tre giri, attaccando nel finale e difendendo il primo posto”. Leadership del campionato fuori discussione per il numero 21.

Dopo la velocissima KTM motorizzata (come tutte le moto) Honda, bel duello tra italiani, vinto da Francesco Bagnaia, terzo oggi e terzo podio ottenuto in Moto2. Alle spalle degli scarichi Akrapovic della Kalex numero 42 è arrivata la Speed Up ben condotta dal romano Simone Corsi, ad un soffio dal terzo posto; quinto posto per Mattia Pasini, molto veloce e positivo anche al Sachsenring.

Sesta posizione per il rookie Jorge Navarro e settima per il campione in carica Moto3, il sudafricano Brad Binder con l’altra KTM; i due tedeschi Cortese e Schrotter hanno concluso la corsa nella top ten, decimo un insolitamente lento Nakagami, dodicesimo l’australiano Remy Gardner ed il punto conquistato da Stefano Manzi fa respirare un po' il pilota del team SKY VR46, al suo miglior risultato stagionale.

Classifica piloti: Morbidelli 173, Luthi 136, Oliveira 114.

 

LA CRONACA- Benissimo i due piloti Marc VDS, con Marquez e Morbidelli al comando, ma Luthi non fa sconti, salta Cortese ed attacca Franco, che deve difendere la seconda posizione; ma Luthi passa con un sorpasso cattivo ma pulito.

Luthi è primo al terzo giro, approfittando di un errore di Marquez, che perde un apio di posizioni, dato che anche Morbidelli lo ha superato; quarto è Sandro Cortese, quinto Bagnaia e dopo il piemontese Oliveira, Pasini e Corsi. Doppia caduta più indietro, Locatelli e Garzo rotolano nella sabbia tedesca e la moto del bergamasco sfiora Garzo disteso nella ghiaia.

Cade anche Marquez al quarto giro, alla curva 2: grandi capriole per il catalano nella sabbia, Kalex distrutta e grande rammarico per il pilota numero 73, che raggiunge i box su uno scooter di servizio.

Chi sta viaggiando forte è Oliveira in sella ad una KTM molto in forma sulla pista tedesca; il portoghese è terzo e recupera terreno nei confronti di Morbidelli, primo all’ottavo giro, e Luthi, secondo con sua Kalex sempre di traverso.

Segna il record della pista Oliveira, ed è sempre più veloce ma attenzione: Luthi vola nella ghiaia, dopo aver perso l’avantreno nella curva 12, lasciando a Morbidelli la testa della corsa.

Con Morbidelli al comando ed Oliveira secondo, ecco la lotta per il podio, che vede i nostri Corsi, Pasini e Bagnaia impegnati per finire la gara sul terzo gradino del podio; Cortese è sesto, Navarro e Brad Binder si trovano appena dietro al tedesco, Stefano Manzi è quattordicesimo.

A 12 giri dalla fine Oliveira è ormai incollato agli scarichi della Kalex di Morbidelli, ne studia le traiettorie, attendendo il momento giusto per attaccare il rivale e superarlo; Corsi è in terza posizione e precede Bagnaia e Pasini.

Partita a scacchi tra Oliveira e Morbidelli: il portoghese non affonda l’attacco su Franco, ma Morbidelli lo sa e gestisce la situazione tatticamente, tenendosi in tasca un certo margine, utile nel finale di gara.

Eccolo il finale di gara, scintille tra Bagnaia, Corsi e Pasini, che si picchiano per la terza posizione, davanti a loro Oliveira attacca e supera Morbidelli alla penultima curva ma “Morbido” ribadisce e si riprende la prima posizione. Escono appaiati dall’ultima curva ed il pilota Marc VDS vince, con la KTM a pochi millesimi. Sul podio Pecco Bagnaia, dopo il duello vinto contro Corsi e Pasini. In zona punti anche Manzi, quindicesimo.

 

 

Articoli che potrebbero interessarti