Tu sei qui

MotoGP, Marc Marquez: "In Qatar ho perso per la moto? No, colpa mia"

L'ex pilota Honda:"All'ultima curva ho fatto un errore e Martin è scappato. Forse le poche modifiche apportate mi hanno limitato nell'accelerazione, ma il mio target era inserirmi in top 5. Ho comunque alcuni aspetti da migliorare"

MotoGP: Marc Marquez:

Giunto quarto alle spalle di Jorge Martin nel primo round del Mondiale 2024 di MotoGP svoltosi in Qatar, Marc Marquez non ha potuto fare un granché contro il connazionale per andarsi a prendere un podio per un tratto a portata di mano e che sarebbe stato clamoroso se fosse arrivato.  Nel suo primo weekend di gara in sella alla Ducati, l’otto volte iridato ha dovuto fare i conti con un presunto divario prestazionale tra la GP24 del portacolori Pramac e la sua GP23.

Un gap che non è passato inosservato neppure all’occhio attento di Jorge Lorenzo, oggi commentatore per DAZN, il quale, a caldo, ha fatto notare all’ex rivale la differenza di spunto tra le due motociclette, apparsa ancora più penalizzante nella gara lunga. “Mi ha colpito vedere tanta differenza di velocità tra te è Martin – le parole del maiorchino – Nella Sprint Race non sembrava così, ma domenica è apparso chiaro che ti mancavano due o tre decimi di motore. Non so per quale motivo. A questo punto la domanda è, cosa ti manca per vincere? Il tracciato ti ha influenzato? Ricordo che qui non hai ottenuto grandi successi”.

A diretto interrogativo, il pilota di Cervera si è cosparso il capo di cenere, scagionando la sua Desmosedici del team Gresini. In realtà qui avevo vinto solo nel 2014 – ha messo i puntini sulle i – Effettivamente Lusail mi ha sempre messo in difficoltà, ma in questa occasione il mio obiettivo era di chiudere in top 5 entrambe le manche. Detto ciò più che alla mancanza di propulsore, ho sbagliato io, uscendo male dall’ultima curva”.

Per dare forza alla propria tesi il 31enne ha affermato: “Sabato sono andato molto bene, tuttavia abbiamo deciso di apportare delle piccole modifiche pensando che mi avrebbero aiutato ed invece non hanno giovato. Al contrario mi hanno fatto perdere in accelerazione, elemento chiave nei testa a testa. In generale i benefici non hanno compensato gli svantaggi. Un aspetto che dovremo tenere a mente per il prosieguo di stagione. Dovrò cercare di gestire meglio le curve veloci, così come la gomma anteriore. Nella Sprint mi sono sentito più a mio agio, mentre nella corsa domenicale ho faticato un po’ in sella. Questo ci dovrà essere di lezione”, ha chiosato l'iberico.

 

Articoli che potrebbero interessarti