Tu sei qui

MotoGP, Bezzecchi: "girare con la Moto2 era da matti, la decisione andava presa prima"

"Celestino Vietti ha rischiato di farsi male alla 1, decisione giustissima. A me è andata di culo, nelle mie condizioni avrò un giorno in più per recuperare. In MotoGP abbiamo gomme incredibili sul bagnato, in Moto 2 è una sopravvivenza"

MotoGP: Bezzecchi: "girare con la Moto2 era da matti, la decisione andava presa prima"

Share


Dopo il sesto posto in gara al sabato, l'annullamento della sprint questa mattina è stato accolto favorevolmente da Marco Bezzecchi, ancora in fase di recupero fisico. Il pilota italiano non nega però che forse la decisione sia stata tardiva, viste le numerose cadute registrate durante le gare di moto 3 e moto 2. Tra i tanti finiti sbalzati dalla propria moto anche l'amico Celestino Vietti, alla curva 1, il cui incidente lo stesso direttore di gara Mike Webb ha indicato come risolutivo per prendere la decisione finale.

"Decisione giustissima - sentenza il Bez - forse avrebbero dovuto pensarci anche prima durante la Moto 2, prima che Celestino rischiasse di ammazzarsi alla prima curva. Ovviamente non sarà stata una decisione facile da prendere".

Eppure le condizioni questa mattina facevano sperare.
"A essere del tutto onesti, le condizioni del tracciato durante il warmup non erano disastrose, la pioggia c'era ma nulla di esagerato, il tracciato ha una bella aderenza anche sul bagnato. Le temperature erano fredde quindi scaldare le gomme sarebbe stato un problema, però non era una roba da matti. Il vero problema era il vento che è impossibile da prevedere. Alcune raffiche erano davvero forti e stavano aumentando".

Le cadute nelle gare di Moto3 e Moto2 non a caso questa mattina si sono moltiplicate.
"Secondo me durante la Moto2 era veramente pericoloso girare, i piloti sono stati molto bravi ma è stato da matti farli girare in quelle condizioni".

Il pensiero poi va al proprio recupero fisico.
"Mi dispiace per i tifosi che non hanno potuto assistere alla gara, ma a me è andata di culo - prosegue il Bez - nelle mie condizioni fisiche questa decisione mi concede un giorno in più per recuperare. Mi dispiace ovviamente di non poter correre, come pilota amo questo circuito, però sono cose che possono succedere".

In passato hai corso in Moto2 al fianco di Augusto Fernandez. In quella categoria si usano le Dunlop ed il pilota ha lasciato intendere che sul bagnato il feeling non sia dei migliori.
"Non è facile con la Moto 2 sul bagnato, lo si è visto tante volte, addirittura è capitato che qualcuno in Moto 3 andasse più veloce, il che dovrebbe essere teoricamente impossibile. Fin quando sono stato in quella categoria ho sempre fatto molta fatica con le gomme, del resto li abbiamo visti cadere addirittura nel giro di ricognizione, è un po' estrema come cosa. L'anno prossimo con Pirelli penso ci sarà un grande passo avanti, lo spero per loro. A noi in MotoGP danno delle gomme fantastiche sul bagnato, in Moto 2 è una sopravvivenza".

Articoli che potrebbero interessarti