Tu sei qui

Moto3, Arbolino sigla il record della pista nelle FP1 a Valencia

3° tempo per Romano Fenati dietro a Deniz Oncu. Appaiati gli sfidanti per il mondiale: Arenas 13°, Ogura 13°. Cadute per Migno, Vietti e Salac (portato in ospedale) 

Moto3: Arbolino sigla il record della pista nelle FP1 a Valencia

Share


Stessa storia, stesso posto ma col sole. Il secondo weekend di Valencia parte con il bel tempo e i tempi della Moto3 si abbassano notevolmente. I piloti della classe leggera hanno migliorato le loro prestazioni a tal punto che Tony Arbolino è riuscito addiruttura a battere il record della pista che resisteva dal 2017 a firma di Jorge Martin. Tony, dunque, è partito al meglio e questo weekend, per tenere vive le sue possibilità per il mondiale l’unica opzione è la vittoria, sperando che gli avversari diretti facciano male. Dietro al pilota del team Snipers si è classificato Deniz Oncu (anche caduto nel corso della sessione) che ha pagato un distacco di 98 millesimi da Arbolino. A soli 46 millesimi dal turco si è classificato Romano Fenati con Alcoba e Fernandez alle sue spalle. 

Si rivede nelle parti nobili della classifica anche Dennis Foggia dopo il weekend nero del GP d’Europa. Il pilota Leopard ha preceduto Binder, Masia e Stefano Nepa, con Kaito Toba a chiudere la top10. Tempi molto convincenti e che, quindi, potrebbero essere già importanti per la lotta all’accesso diretto al Q2. Ci aspettiamo miglioramenti, è vero, ma non si sa mai. Gli ultimi piloti per ora qualificati virtualmente alla seconda parte delle qualifiche sono Garcia, il leader del mondiale Arenas, il suo inseguitore Ogura e Ayumu Sasaki (a terra anche lui ad inizio sessione). Ogura, quindi, segue a ruota Arenas già dalle FP1: il distacco in classifica è di soli 3 punti e ci aspetta un gran finale per la lotta mondiale. 

15° posizione per Rodrigo davanti a Migno con il pilota del team Sky caduto dopo aver centrato la moto del compagno di squadra Celestino Vietti. 17° McPhee davanti a Tatay con Antonelli e Dupasquier che hanno preceduto Suzuki e Rossi. A terra anche Salac, portato in ospedale per accertamenti.

Articoli che potrebbero interessarti