Moto3, Simoncelli striglia Suzuki e Antonelli: "una gara da principianti"

"Nella Moto3 di oggi non ci può permettere superficialità o poca umiltà. Come cantava Vasco, anche se non va bene così sono senza parole"

Share


Paolo Simoncelli non è tipo da nascondersi dietro a un dito e non ha certamente peli sulla lingua. Così, dopo un deludente GP di Spagna, considerate le premesse, ha dato una  bella strigliata ai suoi due piloti, Tatsuki Suzuki e Niccolò Antonelli.

Una ramanzina che si spera sia loro da lezione per la gara di domenica.

In un paddock dove regnano mascherine, gel igenizzante mani e termometri, dove per entrare in clinica ti fanno il check up completo di raggi X, che neanche all’ aeroporto dopo la caduta delleTorri Gemelle… spicchiamo noi, al via il primo Gran Premio mondiale post Covid  e ci aggiudichiamo subito pole position e record della pista con Tatsuki Suzuki.

Proseguiamo con un’eclatante prestazione di Mattia Casadei nella MotoE, che sta iniziando ad usare la testa e a capire questa moto da 300kg.

Per poi finire con un’imbarazzante e inconcepibile gara da principianti da parte di entrambi i piloti Suzuki e Antonelli. Il primo parte in pole e precipita dopo una decina di giri in 11° posizione finendo poi la gara 8°. Il secondo partiva male poiché essendo passato sulla zona verde, il suo ultimo giro in prova non era stato convalidato e allo stesso modo finisce 9°.
 
Nella Moto3 di oggi non ci si può permettere superficialità o poca umiltà e se succede gli altri ti fanno lo “scarminello” (riga nel mezzo tra i capelli) che è ciò che è successo domenica. Vasco Rossi nel ‘94 cantava ‘E va bene così.. senza parole’ e anche se non va bene così questa frase ‘senza parole’ continua a riecheggiarmi nella testa rendendo questa canzone più attuale che mai
”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti