Moto3, Migno: "Rossi cerca di migliorarsi ancora, figuratevi io!"

Andrea torna nel team Sky: "so che le aspettative su di me sono alte ed è giusto che sia così. Ho imparato dai miei errori"

Share


Non c’è stata l’emozione della prima volta per Andrea Migno, che già in passato ha vissuto da protagonista la presentazione dello Sky Racing Team VR46, ma ogni volta il sapore è probabilmente diverso. Il ragazzo di Saludecio torna a casa, nel team che lo ha lanciato, con la speranza di trovare nuova linfa e risultati. “Non vedo l’ora di cominciare – annuncia Mig – anche perché oramai sto facendo solo interviste (ride ndr), mentre occorre scendere in pista per capire quale sia il nostro valore”.

Com'è stato rivederti con questi colori?

“Senza dubbio emozionante. Sono felice che il team mi abbia richiamato, ho visto tanta fiducia e questo può aiutare molto. Mi piacerebbe tradurre tutto questo in pista, e non vedo l’ora di farlo”.

Quali similitudini e quali differenze hai trovato nel team una volta tornato?

“Già quando sono andato via la squadra era un top team, e in questi anni il livello si è ulteriormente alzato. Io nel frattempo ho potuto vivere realtà diverse,  esperienze buone e cattive, da cui ho tratto informazioni importanti per non rifare certi errori”.

Con quali aspettative inizi la stagione?

“Le aspettative è giusto che siano alte, ho l’esperienza e tutte le carte in regola per far sì sia così. Ovviamente aspetto di scendere in pista per capire quale possa essere l’obiettivo, ma le aspettative devono essere alte. Sarebbe ottimo ripartire dai buoni risultato del finale di stagione scorso, per poi essere protagonista”

Com'è il rapporto con il tuo nuovo compagno Vietti? Vi vedremo collaborare?

“Il lavoro di squadra nella nostra categoria è importante, quasi fondamentale direi. Io e Celestino abbiamo un ottimo rapporto ed una squadra che ci supporta, ci aiuteremo in qualifica perché è utile ed importante per entrambi”.

Su cosa pensi di dover migliorare per compiere il salto in avanti definitivo?

“E’ sempre difficile rispondere a questa domanda, dato che anche uno come Valentino cerca sempre qualcosa in cui migliorare, figuriamoci uno come me che ha vinto solo una gara. Gli aspetti da migliorare sono sempre tanti, devo lavorare gara dopo gara per crescere e migliorare”.

Hai già avuto modo di provare la nuova KTM?

“Purtroppo no, nel primo test ho usato quella vecchia per riprendere confidenza con moto e squadra. Ho visto che la nuova moto è molto diversa, quindi aspetto i test per provarla e capirla”.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti