Tu sei qui

Moto3, QP: i big perdono tempo, Kornfeil ne approfitta

A Brno è la prima pole in carriera per il ceco, Di Giannantonio, Bastianini, Dalla Porta e Bezzecchi prendono la bandiera a scacchi e non migliorano 

Moto3: QP: i big perdono tempo, Kornfeil ne approfitta

Share


Infortunato ed assente il mattatore delle qualifiche Jorge Martin, il resto del plotone Moto3 si è misurato nel primo pomeriggio del sabato di Brno, in una condizione climatica di caldo torrido.

I diretti inseguitori dello spagnolo nella classifica piloti sanno che dovranno approfittare del forfait annunciato dal numero 88 leader di campionato e la lotta per il vertice è iniziata già nelle prime fasi del turno; la caccia alla pole è esplosa a 3 minuti dalla fine, quando i piloti hanno fatto montare dai propri tecnici gomme Dunlop nuove, sfruttabili in un solo giro al limite.

Attendendosi reciprocamente, i più veloci hanno inscenato un vero e proprio Gran Premio, con tanto di sorpassi, strategie e sportellate: dopo una feroce bagarre è Jakub Kornfeil, ceco pilota di casa, a siglare la pole position con il tempo di 2'07”981, districandosi a gomiti larghi nella folla con la sua KTM del team Pruestel GP. Per lui è la prima pole position di carriera, ed arriva proprio a Brno, dove è cresciuto agonisticamente. L’ultimo pilota ceco in pole fu Lukas Pesek a Misano nel 2007.

Jakub è stato uno dei pochi che è riuscito a migliorare il suo crono: attendendosi e controllandosi sono stati in tanti ad uscire dalla pit lane a poco più di due minuti di tempo dalla bandiera a scacchi e, aspettandosi in pista, in molti non hanno potuto giocarsela; tra gli altri, Enea Bastianini, Marco Bezzecchi e Fabio Di Giannantonio ne hanno fatto le spese.

Dalla seconda casella partirà lo scozzese McPhee, Marcos Ramirez completerà la prima fila, ed un dominio KTM che continua con Philipp Oettl, quarto.

Prima Honda al via domani quella numero 21 guidata da Fabio Di Giannantonio, delusissimo: “nemmeno stavolta sono riuscito ad essere primo - ha spiegato - in pista c’era molto traffico e sono stato rallentato”.

Aron Canet è sesto, l’argentino Rodrigo settimo, migliora Niccolò Antonelli, dopo giornate difficili, con un nono tempo.

La Honda Leopard di Bastianini era pronta all’assalto della pole, dopo interventi mirati alla forcella, ma Enea non è transitato sulla linea del traguardo prima della bandiera a scacchi ed il suo turno è finito con un decimo tempo; Masia, invece, è stato il primo ad uscire dai box e, nonostante avesse pista libera di fronte a sé, non ha fatto meglio della posizione numero undici.

Tredicesimo tempo per Dennis Foggia, quattordicesimo Bezzecchi; Marco è uscito tardi dal garage Pruestel GP ed il resto del gruppo lo ha rallentato. Inoltre, lui stesso ha dichiarato di non aver avuto il feeling giusto nella guida; domani dovrà fare una grande partenza se vorrà recuperare punti a Martin.

Caduta per Arenas e quindicesimo tempo finale, Arbolino, Dalla Porta e Bulega partiranno dal centro del gruppo. 

Andrea Migno e Stefano Nepa sono altri due piloti costretti alla rimonta, Sasaki è caduto nella fasi iniziali ed è stato portato al centro medico; il giapponese non ha riportato danni gravi e non ha siglato tempi utili; stessa sorte per , il connazionale Suzuki: dopo il volo rimediato nei primi minuti, il pilota SIC58 non è rientrato in pista.

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti