Tu sei qui

Beggio ed Aprilia, 20 anni di successi

Dal primo Gran Premio vinto in 250 da Reggiani, al titolo in Superstock 1000 di Savadori,  le moto di Noale e del Gruppo Piaggio vantano numeri impressionanti

News: Beggio ed Aprilia, 20 anni di successi

Impressionante.

Questo è l’aggettivo più calzante per descrivere la giovane e vincente storia di Aprilia sui mercati, ma anche in pista, grazie alla bellezza di 54 titoli ottenuti nei più importanti campionati mondiali motociclistici per motori a due e a quattro tempi, che diventano 104 se consideriamo gli allori dei marchi Gilera, Moto Guzzi e Derbi, appartenenti – come Aprilia – al gruppo industriale Piaggio.

La prima affermazione in un Gran Premio arrivò nel 1987, con Loris Reggiani che portò alla vittoria la 250 Noale a Misano, nell’appuntamento stagionale di San Marino. Il primo successo in 125 fu colto da Alessandro Gramigni a Brno, quando era ancora il GP di Cecoslovacchia.

Ed ecco il primo Mondiale: è il 1992, quando proprio il “Gram” sbaraglia l’agguerrita concorrenza nella ottavo di litro, con le vittorie in Malesia e in Ungheria alle quali vanno aggiunti altri podi iridati.

Dei 38 titoli vinti nella “dueemmezzo”, indimenticabili i tre consecutivi di Max Biaggi, arrivati tra il 1994 ed il 1996: il binomio costituito dal romano e la moto veneta era micidiale, ed il “corsaro era inarrestabile, proprio come disse una volta il compagno di marca Jean-Michel Bayle “non si vede proprio nessuno che possa batterlo”.

Sempre in 250, Loris Capirossi guardò tutti dall’alto nella discussa stagione 1998 (quella del famigerato sorpasso su Harada in Argentina) mentre l’anno successivo Valentino Rossi finì al primo posto senza alimentare dubbi o polemiche.

Proprio Rossifumi fu uno dei tanti a vincere il titolo in 125; oltre a lui, meritano la citazione affermazioni di piloti come Kazuto Sakata, di Roberto Locatelli ed il campionato conquistato da Manuel Poggiali con la Gilera nel 2001, titolo bissato per il sammarinese nel 2003 con l’Aprilia 250.

Jorge Lorenzo, per ben due volte, alzò al cielo il trofeo di primo classificato Classe 250 nel biennio 2006-2007, con la sua Aprilia del team Fortuna.

E di Marco Simoncelli ne vogliamo parlare? Il “Sic” riuscì a battere tutti i rivali in 250 nella stagione 2008, in sella ad una Gilera, diventando un personaggio internazionale.

Se un solo articolo non basterebbe per raccontare tutte le gare ed i titoli conquistati da Aprilia nei prototipi, rincariamo la dose con qualche numero ottenuto nelle derivate di serie: il debutto fu nel 1999 con Peter Goddard e la RSV bicilindrica, la prima vittoria la regalò Troy Corser a Phillip Island, era l’anno 2000.

Ci volle una quattro cilindri per portare a Noale il primo Mondiale SBK e ci pensò – ancora – Max Biaggi con la RSV4 nel 2010. Impresa ripetuta due anni dopo.

Sempre in Superbike, Marco Melandri vinse tante manche e Sylvain Guintoli aggiunse l’ennesimo titolo Mondiale ad una serie che vede anche Lorenzo Savadori che ha battuto tutti in Superstock 1000 nel 2015.

Ecco in sintesi, tutti i numeri:

  • 38 titoli nel Motomondiale (20 nella 125 e 18 nella 250)
  • 7 titoli in Superbike (Piloti e Costruttori nel 2010, Piloti e Costruttori nel 2012, Costruttori nel 2013, Piloti e Costruttori nel 2014)
  • 9 titoli nelle discipline Off Road (7 nelle Supermoto e 2 nel Trial).

Nel Motomondiale Aprilia ha vinto ben 294 Gran Premi e ne ha conquistati 52 (con altri 121 podi) nella Superbike.

Ci piace pensare che Ivano Beggio, da lassù, leggendo questi numeri, si senta molto orgoglioso. 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti