Tu sei qui

MotoGP, Pedrosa operato, medici fiduciosi

L'operazione è durata 2 ore ed è stata rimossa la guaina del muscolo. Decisive le prossime settimane

Arrivano già buone notizie da Madrid, dove Dani Pedrosa questa mattina è entrato in sala operatoria per cercare di risolvere il problema all’avambraccio destro, affetto da sindrome compartimentale. L’intervento, della durata di due ore, è stato diretto dal dottor Angelo Villamor che si è detto fiducioso sul suo successo.

Al pilota spagnolo è stata completamente rimossa la fascia di tessuto che ricopre il muscolo dell’avambraccio e che era la causa del suo problema fisico. Dani sarà già dimesso dall’ospedale in poche ore, appena i medici avranno la certezza che l’evoluzione post-operatoria sia positiva. Il dottor Villamor visiterà regolarmente nelle prossime settimane Pedrosa che inizierà un programma fisioterapico personalizzato. I tempi di recupero previsti variano dalle 4 alle 6 settimane, ma un suo ritorno alle competizioni non verrà confermato finché il medico non potrà essere certo del successo dell’intervento.

“L’intervento è stato complicato e aggressivo, sono state usate tecniche di microchirurgia – ha spiegato il dottor Villamor  - E’ durato due ore ed è stato portato a termine sotto anestesia locale. Abbiamo esaminato la guaina muscolare che era ipertrofica e andava aperta e liberata. La fascia è stata dissezionata e rimossa dall’avambraccio. La crescita del volume del muscolo all’interno della fascia inelastica portava a una crescita della pressione nella sede, causando dolore per deprivazione di ossigeno, lo stesso che sentiva all’avambraccio quando guidava. Ora terremo sotto controllo Dani per le prossime settimane per valutare il successo di questa operazione”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti