Tu sei qui

CIV SBK: dal 2022 torna Kawasaki col Prodina Ircos Racing Team

La prossima stagione la compagine di Riccardo Drisaldi farà esordire nel CIV Superbike la Ninja ZX-10RR di ultima generazione attraverso il supporto di Kawasaki Italia. Prossimamente i primi test di sviluppo

SBK: CIV SBK: dal 2022 torna Kawasaki col Prodina Ircos Racing Team

Share


Il CIV Superbike ha da poco superato il giro di boa della stagione corrente con Michele Pirro avviato prepotentemente verso l’ottava corona in carriera, eppure la testa è già rivolta al 2022, quando Kawasaki rientrerà ufficialmente nella massima serie italiana attraverso la Ninja ZX-10RR di ultima generazione. Un progetto in rampa di lancio, ma assai ambizioso, che vedrà l’appoggio diretto della filiale italiana della Casa di Akashi sotto le insegne Prodina Ircos Racing Team. Attuale grande protagonista della SuperSport 300, in attesa di scoprire il nome del pilota e i relativi test in preparazione al futuro impegno, la formazione capitanata da Riccardo Drisaldi si avvallerà dell’esperienza di un capotecnico d’eccellenza quale Salvatore Giorlandino.

Torna Kawasaki

La “Verdona” vanta nel personale palmarès ben 348 partenze nella top class del Campionato Italiano Velocità, di cui 22 podi e cinque vittorie, la finale grazie a Leandro Mercado sui saliscendi del Mugello nel lontano 2013. In questo lasso di tempo, seppur con prestazioni al di sotto delle aspettative, ha proseguito la propria militanza in pianta stabile (insieme ai rinomati Broncos Racing Team e CM Racing) sino al 2018. Da quel momento in poi, Kawasaki è sparita dai radar nazionali salvo qualche rara wild card nel recente passato, vedi il Puccetti Racing Team con Xavi Forés a Misano 2020 e Lucas Mahias nel round d’apertura del 2021. Adesso, in parallelo al cambio di regolamento dettato dalla nuova centralina unica MoTec e nell’aria da diversi mesi, vuole mettersi di nuovo in gioco sfruttando la collaborazione con una delle squadre nostrane storicamente affiliate al marchio giapponese.

Ulteriore responsabilità

Voluto fortemente da Riccardo Drisaldi, il quale vanta apparizioni di rilievo al fianco della Casa madre nel World Superbike (Team PSG-1 Corse in primis, come dimenticare il successo nel 2006 di Chris Walker nel diluvio universale di Assen), fin dalla sua nascita il Prodina Ircos Racing Team si è dimostrato una delle strutture di riferimento del CIV SS300, tanto da centrare due titoli consecutivi nel biennio 2018-19 per merito di Manuel Bastianelli e Thomas Brianti. Tutt’ora presente (e bene) anche nel Mondiale di categoria, a partire dalla prossima stagione porterà al debutto la Ninja ZX-10RR in configurazione SBK tricolore, ampliando così il range di classi a disposizione.

Equipe di prim’ordine

Se Drisaldi si trova a capo del settore manageriale, lo staff tecnico risponde alle voci di Salvatore Giorlandino (nella foto di copertina), dalle dimostrate competenze in ambito internazionale. Entrambi amici da una vita, hanno dedicato ogni risorsa nel progetto e i risultati in pista ne sono una conferma. Nei giorni scorsi, nella base operativa di Guidonia è arrivata per l’appunto l’attesa quattro cilindri all’interno di uno scatolone proveniente da Kawasaki Italia. Prossimamente avverrà la preparazione della moto nella versione racing, mentre, per quanto concerne l’alfiere, basandosi sulla filosofia del Team Prodina, la volontà è senza dubbio di affidarsi ad un giovane nonché talentuoso prospetto.

Insomma, mancano ancora tre lunghi mesi alla conclusione delle ostilità dell’annata in corso, in ogni caso la futura campagna del CIV Superbike si prevede piena di spunti d’interesse in chiave “All Japan” (non solo Kawasaki, ma pure Yamaha). 

Articoli che potrebbero interessarti