Elvio Deganello ancora in gravi condizioni dopo un incidente col cross

UPDATED Figlio di Aligi, era nella squadra di Marco Simoncelli, ora lavora in Suzuki in MotoGP. Ricoverato all'ospedale Maggiore di Bologna ha riportato una lesione a una vertebra. Sarà presto trasferito a Montecatone

Share


Vi diamo qualche aggiornamento sulle condizioni di Elvio Deganello, data engineer del team Suzuki.

L'incidente è avvenuto mentre Elvio, sabato scorso, provava la moto di un cliente sul crossodromo “Lo Scaletto”, dopo averla messa a punto. Fatale è stato un ribaltamento in avanti che gli ha procurato la frattura scomposta della quinta vertebra, con interessamento midollare.

Attualmente Deganello, figlio di Aligi, a lungo accanto a Marco Simoncelli, si trova all'Ospedale Maggiore, sotto respirazione ventilata. La concomitanza negativa del Covid-19, purtroppo, non permette visite, se non, una al giorno, quella dei parenti più stretti. Appena le condizioni lo permetteranno Elvio sarà spostato al noto centro di riabilitazione di Montecatone.

------

Elvio Deganello è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Maggiore di Bologna dopo una caduta mentre stava allenandosi con la moto da cross. Elvio ha 44 anni ed è il figlio di Aligi Deganello, che è stato capotecnico di Marco Simoncelli, e anche lui faceva parte della squadra di tecnici del Sic, prima in Gilera, dove vinse il titolo, poi in Honda in MotoGP. Ora, invece, è data engineer per il team Suzuki MotoGP.

L’incidente è avvenuto ieri mattina a Sasso Marconi, al crossodromo “Lo Scaletto”. Elvio è un grande appassionato di ruote artigliate e nel 2008, su quella stessa pista, aveva corso una gara proprio in coppia con Simoncelli, salendo anche sul podio.

Elvio era alla guida di una Kawasaki 500 2 tempi e la caduta è avvenuta poco dopo mezzogiorno: immediato l’intervento dei medici. Deganello è stato trasferito in ospedale dove è stata riscontrata una grave lesione a una vertebra.

“Elvio è una delle persone più solari che conosca. Lui e Aligi erano la squadra per cui Marco era disposto a lasciare la Honda, se non ci fossero stati anche loro” ha dichiarato Paolo Simoncelli al Corriere di Bologna, sottolineando come il rapporto fra Elvio e suo figlio non fosse solo professionale ma anche di grande amicizia.

Share

Articoli che potrebbero interessarti