Tu sei qui

Moto3, FP2, tris tricolore: 1° Bastianini, 2° Dalla Porta, 3° Arbolino

L'alfiere Leopard rifila quasi mezzo secondo ai connazionali, 5° Martin, 9° Antonelli, 14° Canet, 23° Bezzecchi, in fondo al gruppo Bulega

Moto3: FP2, tris tricolore: 1° Bastianini, 2° Dalla Porta, 3° Arbolino

Le nubi si fanno minacciose sulla pista di Rio Hondo, ma il tricolore continua a brillare. Dopo il miglior tempo siglato da Bezzecchi al mattino, nella sessione pomeridiana della Moto3 è Enea Bastianini a catturare tutti i riflettori della scena, grazie al crono di 1’50”397. All’ultimo tentativo disponibile il romagnolo pesca il coniglio dal cilindro, portando la propria Honda davanti al gruppo.

La sessione pomeridiana è di quelle da incorniciare per i nostri piloti, perché alle spalle dell’alfiere Leopard troviamo il compagno Lorenzo Dalla Porta (+0.408) e Tony Arbolino (+0.461). Occhio però ai distacchi incassati dai connazionali, a tal punto ad arrivare a sfiorare il mezzo secondo. Bastianini prova quindi a scavare il solco, ma i diretti avversari per la lotta al titolo rimangono in agguato. È il caso di Jorge Martin (+0.604), autore del sesto crono alle spalle di Livio Loi, il migliore in casa KTM  mentre Aron Canet (+0.949) sembra accusare il colpo, tanto da dover incassare nove decimi e sprofondare al quattordicesimo posto.

Tornando a dare uno sguardo ai primi dieci, da registrare il nono tempo realizzato da Niccolò Antonelli (+0.764), seguito a soli 55 millesimi da Atiratphuvapat. Nel finale il pilota asiatico è finito a terra e la sua moto si è trovata pericolosamente nella traiettoria di coloro che lo seguivano. Fortunatamente gli altri piloti sono riusciti ad evitarla, scongiurando il peggio.

Mentre Bastianini, Dalla Porta e Arbolino guardano tutti dall’alto, sono chiamati a rincorrere i rispettivi connazionali. È il caso di Andrea Migno (+1.052), addirittura diciassettesimo, su cui pesa un gap dalla vetta di un secondo. E che dire poi di Fabio Di Giannantonio (+1.270), finito addirittura in ventunesima posizione con Dennis Foggia e Marco Bezzecchi alle spalle. Un passo indietro per quanto riguarda quest’ultimo, autore del riferimento al mattino. Soltanto ventiseiesimo Bulega con oltre due secondi di gap. Ci si chiede cosa stia accadendo all’alfiere dello Sky Racing Team, non ancora al top della forma.     

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti